lunedì, Ottobre 25, 2021

Vaccino anti Covid 19 a Napoli: lunghe file all’hub di Capodichino

- Advertisement -

Notizie più lette

Luigi Maria Mormonehttps://www.2anews.it
Luigi Maria Mormone, cura la pagina di cronaca su Napoli e provincia, attualità e sport (pallanuoto, basket, volley, calcio femminile ecc.), laureato in Filologia Moderna, giornalista.

Vaccino anti Covid 19 a Napoli: problemi al nuovo maxi hub con lunghe file (e traffico in tilt sulla Tangenziale in direzione Capodichino).

Nella giornata di oggi, martedì 4 maggio, si stanno verificando disagi al maxi hub di vaccinazione anti Covid 19 a Capodichino, nella struttura messa a disposizione da Atitech nei pressi dell’aeroporto di Napoli.

Come segnalato alla nostra redazione da alcuni cittadini lì presenti per vaccinarsi, tale hub, inaugurato nella giornata di domenica 2 maggio, sta oggi vedendo il crearsi di lunghe file sia all’esterno che all’interno della struttura, file caratterizzate da un’attesa che tra le due e le tre ore. Vaccino anti Covid 19 a Napoli: lunghe file all’hub di Capodichino Come se non bastasse, l’uscita Capodichino della Tangenziale è paralizzata dal traffico, dovuto principalmente proprio all’afflusso dei cittadini presso l’hub vaccinale.

Quest’oggi, in attesa della consegna di Pfizer prevista per domani, l’Asl Napoli 1 sta somministrando i vaccini Moderna ai 4000 over 50 convocati per il vaccino. Tuttavia, al terzo giorno di operatività sono sorti i primi problemi, con la speranza che possano essere eliminati giorno dopo giorno con un ritmo sempre più costante nella campagna vaccinale.

Neanche ieri la giornata era stata tranquilla, visto l’esaurimento delle scorte di vaccino, con somministrazioni bloccate per un’ora e ripresa con dosi recuperate fino a Salerno.

L’hub di Capodichino è il più grande del Sud con 10mila mq di superficie, 32 box per la somministrazione delle dosi di vaccino, 14 postazioni per l’accettazione, 150 unità di personale sanitario ed un parcheggio di 250 posti, ha l’obiettivo di accogliere ogni giorno tra gli 8mila e i 10mila cittadini residenti nelle Asl Napoli 1, Napoli 2 e Napoli 3.

Esso vuole dunque rappresentare un forte cambio di passo nella campagna di immunizzazione della Campania, che il governatore Vincenzo De Luca auspica possa terminare entro la fine dell’estate (con fine luglio come data auspicata per la città di Napoli in base alle forniture di vaccini).

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -spot_imgspot_imgspot_img

Ultime Notizie