martedì, Aprile 20, 2021

Un vaccino terapeutico italiano per i malati di Aids

- Advertisement -

Notizie più lette

Un vaccino terapeutico italiano per i malati di Aids
Patrizia Zinnohttps://www.2anews.it
Patrizia Zinno è biologa nutrizionista napoletana e ha lavorato per circa 20 anni presso centri di Diabetologia, di Dialisi, Ematologia e Chimica Clinica. Ora insegna Scienza e Cultura dell’Alimentazione nella Scuola Alberghiera di Scampia.

L’AIDS è una patologia causata dalla presenza del virus HIV che rende le persone affette più vulnerabili a molte malattie che generalmente, nelle persone sane, non creano particolari problemi.

- Advertisement -

Un vaccino terapeutico italiano per i malati di Aids L’AIDS è una malattia cronica, potenzialmente letale, causata dal virus dell’immunodeficienza umana (HIV) che  una volta entrato nel corpo, colpisce il sistema immunitario danneggiandolo ed il corpo diventa automaticamente più predisposto a contrarre tutte le malattie.

Il virus dell’HIV si trasmette da persona a persona prevalentemente attraverso i rapporti sessuali non protetti  o il contatto diretto con il sangue. Una nuova strada si apre per liberare i malati Aids dai farmaci a vita che prendono quotidianamente per mantenere sotto controllo la loro malattia.  Promessa che arriva grazie ad un nuovo vaccino terapeutico  chiamato Tat, che è stato somministrato a pazienti in terapia antiretrovirale (cART)  e si è rilevata efficace, in grado di ridurre del 90%il serbatoio di virus latente dopo 8 anni dalla vaccinazione.

Un vaccino terapeutico italiano per i malati di Aids

Una notizia interessante pubblicata sulla rivista Frontiers in Immunology grazie ad un monitoraggio di circa 8 anni di pazienti immunizzati con il vaccino menzionato, ricerca messa a punto dall’Equipe da Barbara Ensoli, direttore del Centro Nazionale per la Ricerca su HIV/ AIDS dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss).

Lo studio del vaccino è iniziato nel 1995 ma nel corso degli anni, è stato contestato da ricercatori americani in relazione alla sua efficacia sugli animali ed è anche stato oggetto di polemiche, come nel 2003 quando venne pubblicata da Science una nota di alcuni immunologi Usa che protestavano per un finanziamento di 10 milioni di dollari destinato dal Congresso americano alla ricercatrice italiana, suggerendo che la decisione potesse essere legata alla partecipazione del nostro paese alla guerra in Iraq. Una nuova terapia potrebbe in un certo qual senso migliorare i problemi e la qualità della vita in particolar  modo nei giovani, bambini ed adolescenti e di controllare in maniera più accurata il comportamento del Virus.

Un vaccino terapeutico italiano per i malati di Aids L’ Istituto Superiore di Sanità segnala «un’incidenza maggiore» dell’Hiv nei giovani, con un’età compresa tra i 25 e 29 anni colpa dell’assenza d’informazione, di una mancata prevenzione ma soprattutto di una diagnosi tardiva. Il  rischio di contagio cresce esponenzialmente proprio per le categorie ritenute meno esposte e la maggioranza dei casi è attribuibile a rapporti sessuali non protetti e nel 46% si tratta di rapporti eterosessuali.

La mancanza di fondi non permette di proseguire nella sperimentazione e la malattia colpisce soprattutto le fasce più fragili della popolazione mondiale, come i bambini, le donne e gli omosessuali. La cura richiede molte attenzioni ed investimenti perché il Virus non può essere eliminato dalla cART perché persiste, senza replicarsi, in alcune delle cellule infettate in forma di DNA virale nel sangue, una forma silente che costituisce un pericoloso serbatoio invisibile al sistema immunitario e inattaccabile dalla terapia. In questo modo la riattivazione dell’infezione diventa più facile con l’interruzione della terapia, ecco perché occorre il controllo accurato nel tempo.

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Ultime Notizie