Vomero: domani presidio dei lavoratori presso “ex Frc Group/Piazza Italia”

411
Vomero: domani presidio dei lavoratori presso

Vomero, via Luca Giordano: domani i sindacati hanno organizzato un presidio dei lavoratori presso struttura “ex Frc Group/Piazza Italia”.

Con una nota, inoltrata in data odierna alle competenti autorità, dalle segreterie di Napoli e della Campania delle federazioni dei lavoratori del commercio e dei servizi della GCIL, della Cisl e della UIL, a seguito delle ultime vicende legate alla sorte delle lavoratrici e dei lavoratori impegnati presso la struttura “ex Frc Group/Piazza Italia”, è stato indetto un primo presidio democratico degli stessi dipendenti, che si terrà, presso il negozio in via Luca Giordano, domani 3 gennaio, a partire dalle ore 9:00.

Un secondo presidio si svolgerà il giorno successivo, 4 gennaio, sempre dalle ore 9:00, presso il punto vendita Piazza Italia di via Toledo.

A dare notizia degli eventi in questione è Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari che, anche in questa occasione, scende in campo a fianco dei lavoratori dell’ex Trony, gruppo Frc, successivamente impegnati nel brand di abbigliamento IntelliGent store, posto in via Luca Giordano, 63, al Vomero, brand che fa capo all’azienda Piazza Italia.

Quando si paventò il licenziamento dei 41 dipendenti dell’allora punto vendita Trony in via Luca Giordano – ricorda Capodanno – alla vigilia delle festività natalizie del 2017, lanciai una petizione online, indirizzata, tra gli altri, al Ministro del lavoro, che raccolse oltre 3.000 firme, con diversi sit-in che videro schierate tante persone a fianco dei lavoratori interessati”.

Poi – continua Capodanno -, dopo una lunga trattativa i 41 dipendenti furono assorbiti dalla nuova struttura che aprì al pubblico, negli stessi locali, il 15 marzo dell’anno scorso “.

Dopo una anno dalle vicende succitate, dunque la storia sembrerebbe ripetersi – sottolinea Capodanno -. I contorni di quando sta accadendo sono tutti da chiarire. L’unica cosa certa è che da alcuni giorni le saracinesche del locale in questione sono abbassate e che è tornata la preoccupazione da parte dei dipendenti di perdere il posto di lavoro”.

Per questa ragione – conclude Capodanno – chiedo ancora una volta ai napoletani di sostenere la battaglia dei lavoratori in questione, partecipando ai presidi democratici di domani e di dopodomani”.