Tragedia Solfatara: sequestrato tutto il sito

1063
Terremoto a Pozzuoli, Ortolani: “Nessun rischio eruzione”

Solfatara, lo scorso 12 settembre morirono tre persone. Scatta il provvedimento della Procura di Napoli: “C’era una situazione allarmante”.

solfataraScatta il sequestro preventivo dell’intera area della Solfatara di Pozzuoli, per impedire la commissione di nuovo reati, dopo la tragedia dello scorso 12 settembre in cui hanno perso la vita i tre componenti la famiglia Carrer – figlio, padre e mamma – caduti nel crepaccio lungo il percorso di visita del vulcano.  Secondo il Gip Picciotti di Napoli: “C’era una situazione allarmante”. Stando a quanto trapela dal lavoro degli inquirenti è stata esaminata tutta la documentazione “sulla valutazione dei rischi sia dal punto di vista della sicurezza e della dell’incolumità per tutti i lavoratori, gli utenti e i visitatori, sia per il profilo del rischio legato alla natura del rischi idrogeologico e vulcanologico”. Nell’area, che appartiene ad un’impresa privata, sono state sequestrate anche le zone dove si trova un campeggio ed un punto di ristoro. Subito dopo l’incidente, su disposizione della Procura di Napoli, venne sequestrata solo l’area dove avvenne l’incidente che provocò la morte di una coppia di turisti e di uno dei dei loro figli.

Le indagini sono scattate dopo che Lorenzo, 11 anni,  ha oltrepassato una zona proibita, scavalcando una recinzione seguito dal padre, Massimiliano Carrer di 45 anni, e poi dalla madre, Tiziana Zaramella di 42, nel tentativo di fermarlo e tutti e tre sono morti.