Pompei, chiede il “pizzo” per i carcerati, arrestato estorsore del clan Cesarano

280
Rapine in banca tra Napoli e Caserta: bloccata banda

L’uomo, un 59enne che avrebbe agito per conto del cartello camorristico dei Cesarano, si è recato in una officina per chiedere mille euro per i detenuti di Ponte Persica, frazione del comune di Pompei.

Aveva chiesto un ”regalo” da 1.000 euro “per i carcerati di Ponte Persica”, frazione del comune di Pompei (Napoli). Francesco Corbelli, 59 anni, e’ stato arrestato dalla Polizia per tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso. L’uomo avrebbe agito per conto del clan camorristico dei Cesarano. I fatti contestati risalgono ad aprile-maggio del 2108. Quando Corbelli – secondo quanto reso noto dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli – si reco’ in un’officina meccanica di Pompei avanzando la richiesta estorsiva.

Decisive per l’identificazione del 59enne le immagini del sistema di videosorveglianza.

Corbelli ritorno’ nell’ officina il 17 gennaio scorso a bordo di una “Renault Scenic” insieme ad un’altra persona, in via di identificazione, ed intimo’ ad uno dei soci di mantenere fede alla richiesta di denaro: ”Siamo quelli di Ponte Persica. Voi ci avete promesso un regalo, e non e’ arrivato piu’. Un regalo per la gente di Ponte Persica”. Gli agenti del Commissariato di Pompei sono riusciti ad identificarlo grazie alle immagini del sistema di videosorveglianza dell’ officina.