Missione UNIFIL: cambio al Combat Service Battalion JTFL-SW

204
Missione UNIFIL: cambio al Combat Service Battalion JTFL-SW

Il Tenente Colonnello Arculeo lascia il comando al Tenente Colonnello Massimiliano Erra nella missione Unifil.

Si è svolta ieri (giovedì 8 novembre) nella base Millevoi di Shama, alla presenza del Comandante del Settore Ovest, Generale di Brigata Diodato Abagnara, la cerimonia di trasferimento di responsabilità del Combat Service – Battalion (CS BN) del Contingente italiano in Libano, fra il cedente Ten. Col. Marco Arculeo, effettivo in Patria al 2° reggimento Genio Guastatori Alpini, e il subentrante Ten. Col. Massimiliano Erra, proveniente dal Reparto Comando e Supporti Tattici della Brigata bersaglieri “GaribaldiI” di Caserta.

Missione UNIFIL: cambio al Combat Service Battalion JTFL-SW

Il CS BN ha svolto il suo mandato, nell’ambito della Joint Task Force Lebanon (JTFL) del Settore Ovest, dal 10 Maggio 2018 all’8 Novembre 2018 in configurazione Multinational Land Force/ Defence Cooperation Initiative (MLF/DECI).

Tale unità, ad alta connotazione specialistica, ha assolto la missione impiegando una compagnia genio dell’esercito croato, con assetti specialistici cinofili ungheresi ed italiani, una compagnia trasmissioni effettiva all’11° rgt. di Civitavecchia, un plotone CBRN italo-austriaco, un plotone di fanteria armeno e un assetto Electronic Warfare(WE).

Missione UNIFIL: cambio al Combat Service Battalion JTFL-SW

Mediante questi assetti, il battaglione multinazionale ha garantito, durante tutto il mandato, il necessario supporto alla manovra a tutto il personale della JTFL, contribuendo al mantenimento ed all’implementazione in tutta l’area di operazioni delle misure di Force Protection, garantendo la mobilità delle unità di Settore anche mediante l’impiego del Team Explosive Ordnance Disposal(EOD)/ Improvised Explosive Device Disposal (IEDD) e delle unità cinofile dell’Esercito, assicurando i collegamenti tattici e strategici con la Madre Patria e realizzando Quick Impact Projects,  nell’ambito della funzione CIMIC, a favore della collettività locale.

Agli uomini e alle donne che si apprestano a lasciare il Teatro Operativo libanese un grazie per quanto fatto e per aver contribuito, con un fare incessante e meticoloso, al mantenimento di elevatissimi standard di pace e sicurezza. A chi avrà l’onere di portare sulle spalle il peso dei notevoli risultati conseguiti auguro un grande in bocca al lupo, con l’auspicio di fare sempre più e sempre meglio”, questo quanto affermato dal Generale Abagnara durante la cerimonia di avvicendamento.