Evaso dal carcere di Poggioreale, tutte le piste seguite per arrivare a Robert Lisowski

190
Evaso dal carcere di Poggioreale, tutte le piste seguite

Sono stati potenziati tutti i controlli nella caccia al 32enne polacco evaso ieri dal carcere di Poggioreale, in cui era recluso per omicidio.

Gli uomini della Polizia penitenziaria stanno seguendo delle piste ben precise per giungere alla cattura di Robert Lisowski, il polacco di 32 anni evaso ieri dal carcere di Poggioreale: sono stati attivati dei servizi sul territorio di Napoli, zone limitrofe e anche comuni della provincia. Controlli potenziati, posti di blocco e verifiche serrate soprattutto presso gli scali ferroviari, marittimi e le stazioni dei bus, sotto il coordinamento della procura della Repubblica partenopea. Sul campo, oltre gli uomini del Nucleo investigativo centrale (Nic), personale del Nucleo investigativo regionale (Nir) e altre unita’ giunte in supporto dal Nucleo operativo traduzioni e piantonamenti (Notp) di Secondigliano e dallo stesso carcere di Poggioreale.

Chi è Robert Lisowski

Lisowski è riuscito a scappare dall’istituto penale Giuseppe Salvia Evaso dal carcere di Poggioreale, tutte le piste seguitecon una corda fatta di lenzuola, usata per scavalcare l’alto muro che circonda il carcere. L’uomo era presso la casa circondariale napoletana con l’accusa di omicidio ed era in attesa di giudizio. Fu arrestato il 5 dicembre 2018 dagli agenti della Squadra mobile di Napoli perché ritenuto responsabile dell’accoltellamento mortale di un immigrato ucraino di 36 anni. La vittima, che viveva in città con la sua famiglia, fu ammazzata a ridosso di piazza Cavour a Napoli al culmine di una lite scoppiata in un locale e poi proseguita in strada.

Ieri, la Questura partenopea ha diffuso la foto segnaletica dell’evaso e un identikit del cittadino polacco definito “pericoloso” chiedendo a “chiunque lo vedesse di contattare subito i numeri di emergenza e soccorso pubblico”. Lisowski è alto un metro e 80 circa, è di corporatura magra, carnagione chiara, con capelli radi castano chiaro, e al momento della fuga aveva la barba e un’andatura claudicante.