Maxi sequestro di armi e materiale per falsificare documenti in un appartamento a Casoria

276
Maxi sequestro di armi e materiale per falsificare documenti a Casoria

Il blitz degli agenti di Polizia è avvenuto in un appartamento a Casoria, durante il quale sono finite in manette tre persone.

Nel corso di impegnative indagini del Commissariato di Afragola, finalizzate al contrasto della criminalita’ organizzata, con particolare riguardo alle recenti attività intimidatorie poste in essere dalla criminalità locale, gli agenti questa mattina hanno messo a segno un blitz a Casoria alla via san Benedetto. I poliziotti hanno fatto irruzione all’interno di un appartamento ubicato in una corte, dove un uomo, del 1982, attualmente agli arresti domiciliari, aveva istallato un sofisticato sistema di videosorveglianza con il quale monitorava l’interno e l’esterno dello stabile.

A seguito di una immediata perquisizione l’uomo è stato trovato in possesso di una pistola Beretta cal. 9 corta, nascosta in un intercapedine ricavata all’interno della vasca da bagno, oltre a due maschere ed ad altre armi. Durante l’operazione l’attenzione dei poliziotti è stata poi attirata da un altro uomo che, alla loro vista, ha cercato di allontanarsi, ma è stato prontamente bloccato.

Armi e munizioni costituivano un vero e proprio arsenale

Maxi sequestro di armi e materiale per falsificare documenti a CasoriaGli agenti hanno sottoposto a perquisizione anche l’abitazione di quest’ultimo, classe 1977, dove è stato rinvenuto un borsone con numerose armi e munizioni: un fucile a pompa, una pistola Taurus cal.44 ed un’altra pistola beretta 7.65. Numerosissimo il munizionamento di diverso calibro presente. In un’altra borsa sono state rinvenute e sequestrate numerose buste contenenti buoni fruttiferi di diverso valore, carte d’identità, patenti, assegni bancari e materiale per la falsificazione dei documenti, tra cui timbri di diversi comuni.

L’uomo risponderà dei reati di detenzione abusiva di armi e relativa ricettazione e possesso documenti contraffatti. Nell’appartamento del primo arrestato era presente anche una donna, classe 1981, i cui documenti erano tra quelli in possesso del secondo arrestato. Dovrà rispondere anche lei degli stessi reati addebitati ai primi due.Su tutto il materiale sequestrato vi sono indagini in corso per stabilirne l’autenticità, la provenienza e l’eventuale utilizzo in attività criminali.