Caso di meningite a Napoli: morto un chirurgo di 40 anni

654
Caso di meningite a Napoli: morto un chirurgo di 40 anni

Cronaca di Napoli: il dottor Enzo Di Stazio è deceduto per meningite all’ospedale Cotugno. La famiglia decide di donare gli organi. Il cuore del medico salverà la vita di un ragazzino.

Aggiornamento in data 4 gennaio 2019 – ore 20,00

Il cuore del medico, morto per meningite, Vincenzo Di Stazio è stato donato e salverà la vita di Alessio C. un ragazzo di 14 anni di Scafati che da tempo era in attesa di un donatore. È stato deciso dai familiari di donare gli organi di Vincenzo. L’operazione di espianto e trapianto di cuore avverrà all’ospedale Monaldi.

Nuovo caso di meningite a Napoli, che ha purtroppo visto la morte di un chirurgo 40enne, impiegato in una struttura sanitaria accreditata della provincia di Napoli. Era ricoverato dalla notte di Capodanno nella rianimazione dell’ospedale Cotugno a causa di una grave e fulminante forma di meningite da pneumococco.

Come riportato da “Fanpage”, Enzo Di Stazio, chirurgo alla clinica Villa dei Fiori di Mugnano di Napoli, era stato inizialmente ricoverato proprio nel nosocomio nel quale lavorava. Quando le sue condizioni sono peggiorate, è stato disposto il trasferimento all’Ospedale del Mare, dove i medici hanno riscontrato la malattia infettiva, disponendone così un ulteriore trasferimento al Cotugno.

In seguito al decesso del 40enne, sono state attivate la procedure di profilassi sia all’Ospedale del Mare che tra i familiari del medico.

Al Cotugno, invece, si è proceduto con l’espianto degli organi: il cuore di Di Stazio è stato utilizzato per salvare la vita a un bambino. I funerali si terranno oggi pomeriggio nella chiesa di San Tammaro a Grumo Nevano.