Altra voragine a Napoli: diciannove persone sgomberate all’Arenella

490
Altra voragine a Napoli: diciannove persone sgomberate all’Arenella

Cronaca di Napoli: la forte pioggia abbattutasi ieri sulla città partenopea ha provocato una voragine all’Arenella (con conseguente sgombero di 19 persone).

Il maltempo non concede tregua alla città di Napoli. Dopo quanto accaduto la scorsa settimana in via Masoni, dove una bomba d’acqua causò l’apertura di una maxi voragine(con successivo sgombero di ben 52 famiglie), la pioggia di ieri pomeriggio ha provocato un’altra voragine, stavolta all’Arenella (nel cuore del Vomero).

Come riporta “Il Mattino”, poco dopo le 15 a vico Molo alle Due Porte, un grosso pezzo di strada è letteralmente crollato, trascinandosi dietro una porzione di fognatura. Sul posto sono immediatamente intervenuti Vigili del Fuoco, Protezione Civile, tecnici di Abc, il presidente della V Municipalità Paolo De Luca e la neo assessora alla Protezione Civile Rosaria Galiero, oltre aal presidente della Commissione Ambiente, Marco Gaudini. Per motivi di sicurezza, è stato subito disposto lo sgombero di 19 abitanti dello stabile che affaccia direttamente sul punto dove la strada ha franato.

Comune di Napoli, assessora Galiero: “Governo metta in agenda strategie per aiutare enti locali”

Come già fatto per le famiglie di via Masoni, la macchina comunale si è subito mossa per trovare una sistemazione provvisoria ai cittadini che hanno dovuto lasciare le loro case: “I tecnici di Abc sono già al lavoro, stiamo effettuando tutte le verifiche del caso – ha spiegato l’assessora Galiero a “Il Mattino”- e insieme alla V Municipalità come prima cosa abbiamo contattato le famiglie sgomberate per cercare una sistemazione alternativa.Altra voragine a Napoli: diciannove persone sgomberate all’Arenella Al momento le persone si sono organizzate in forma autonoma. La giornata di oggi ci darà la possibilità di poter avere una situazione più chiara anche per quanto riguarda i tempi di rientro in casa dei cittadini“.

L’appello di Galiero va al Governo: “I nostri territori sono fragili e i tagli che ci sono stati negli ultimi anni sugli enti locali non ci hanno dato la possibilità di organizzarci sul fronte del cambiamento climatico che è in pieno atto.

Ci auguriamo che il Governo metta al centro della sua agenda – conclude l’assessora alla Protezione Civile del Comune di Napoli- le strategie da adottare per aiutare gli enti locali alle prese con così ampie difficoltà”.

Foto in evidenza: “Il Roma”