Irpinia news, EMA: un’eccellenza in fatto di tecnologia

779
Irpinia news, EMA rappresenta un’eccellenza in fatto di tecnologia

Irpinia news: EMA (Europea Microinfusioni Aerospaziali) è un’azienda leader a livello mondiale.

di Luigi Maria Mormone – Nel comune di Morra De Sanctis (Alta Irpinia) è presente una vera e propria eccellenza (nonché fonte di occupazione) in materia di tecnologia, l’EMA (Europea Microinfusioni Aerospaziali). Quest’azienda è leader nel mondo per la produzione di palette rotoriche, statori e componenti di turbine dei più avanzati motori a reazione destinati all’aviazione civile, militare, alla propulsione navale ed alle turbogas delle centrali elettriche per la generazione di energia elettrica. Tra le tecniche produttive utilizzate, spicca quella della cera persa, che realizza unicamente fusioni in vuoto. L’azienda rappresenta inoltre una delle poche fonderie al mondo in grado di produrre fusioni a Cristallo singolo (Single Crystal SX), a Solidificazione Direzionale (Directionally Solidified DS), ed equiassiche (Equiaxed EXQ). Vengono inoltre effettuate fusioni fondate sull’utilizzo di super-leghe a base di Nichel e Cobalto di ultima generazione, capaci di stare nei punti più caldi dei motori di aerei civili e militari e per le turbine a gas per la produzione di energia elettrica.Irpinia news, EMA rappresenta un’eccellenza in fatto di tecnologia Davvero un vanto per il territorio irpino e per l’intera Campania, con le cui università sono state aperte numerose collaborazioni (intraprese anche con i maggiori centri di ricerca e con startup del territorio). “Le nostre produzioni iniziano nel 1998 – ha spiegato a “Il Mattino” Michele Di Foggia, Responsabile Ricerca e Sviluppo EMA – Siamo un’azienda in forte sviluppo e crescita che punta tutto sull’innovazione tecnologica, con cui sviluppiamo e miglioriamo i nostri processi di manifattura per realizzare al meglio le microfusioni per i nostri componenti. L’innovazione non solo crea le basi per lo sviluppo concreto dei processi di manifattura, l’ottimizzazione degli stessi e una riduzione dei costi è importante anche in un territorio come il nostro, soggetto a forte crisi occupazionale, perché -ha concluso Di Foggia- riporta fiducia e posti di lavoro stabili e qualificati in un territorio a scarsa vocazione industriale”.