Ex Isochimica, partita la bonifica: via 500 cubi di amianto in 100 giorni

412
Ex Isochimica, partita la bonifica: via 500 cubi di amianto in 100 giorni

Ex Isochimica: partita l’operazione di bonifica dall’amianto. Il governatore De Luca: “Lavoriamo per risolvere l’emergenza ambientale”.

Parte la bonifica nella ex Isochimica di Avellino. La Regione Campania ha infatti consegnato le chiavi della fabbrica all’associazione temporanea di impresa “Simam spa, La Carpia, Mondo Ecologia, Castiglia”, che si occuperà di liberare lo stabile dall’amianto che tanto male ha fatto in questi anni (provocando varie malattie e anche la morte di 27 operai).

Lo stesso governatore, Vincenzo De Luca, era presente all’apertura dei lavori presso lo stabilimento di Borgo Ferrovia, sottolineando come “la Regione Campania seguirà fino all’ultimo i lavori di bonifica dell’ex Isochimica, priorità del nostro programma di interventi ambientali in Irpinia. Avevamo due gravi emergenze ambientali da risolvere in Irpinia – ricorda De Luca- una è appunto la bonifica dell’ex Isochimica, un sito in cui sono ammassati da anni cubi di cemento che contengono amianto in polvere in una situazione di grande pericolosità.Ex Isochimica, partita la bonifica: via 500 cubi di amianto in 100 giorni E poi c’è il problema della depurazione delle acque nell’area solofrana per cui stiamo definendo un progetto esecutivo che possa ampliare il sistema di depurazione e risolvere definitivamente il problema. Stiamo lavorando in questa direzione con serietà. L’operazione sull’Isochimica costa complessivamente 12 milioni di euro. Avevamo già impegnato nel Patto per la Campania 10 milioni di euro, abbiamo strappato anche qualche risorsa nazionale”.

La ditta aggiudicataria del primo lotto da 3,5 milioni di euro avrà il compito di liberare, nei primi 100 giorni, il piazzale esterno dai 500 cubi in cemento e amianto stoccati dalla fine degli anni ’80 a ridosso di case e scuole.Ex Isochimica, partita la bonifica: via 500 cubi di amianto in 100 giorni Presenti all’apertura dei lavori anche il Presidente del Consiglio Regionale, Rosa D’Amelio, il Prefetto di Avellino, Maria Tirone, e il Commissario straordinario del Comune di Avellino, Giuseppe Priolo.