Avellino, 35enne morto in Rianimazione: 11 persone indagate

630
Avellino, 35enne morto in Rianimazione: 11 persone indagate

Cronaca di Avellino: 11 indagati per la morte del 35enne Alessio Sanseverino nel reparto di Rianimazione dell’ospedale Moscati.

La morte di Alessio Sanseverino, il 35enne di Mugnano del Cardinale deceduto venerdì scorso nel reparto di Rianimazione dell’ospedale Moscati di Avellino, è finita sotto la lente d’ingrandimento della magistratura.

Come riporta “Il Mattino”, sono stati notificati avvisi di garanzia ad 11 sanitari tra medici e infermieri del nosocomio irpino del reparto di Neurochirurgia e dell’unità di Rianimazione del nosocomio irpino. Si tratta di un atto dovuto da parte della Procura della Repubblica di Avellino, per poter procedere alle indagini e fare chiarezza sulla vicenda.

Ieri pomeriggio è stata eseguita la autopsia sul corpo del giovane, durante la quale sono stati esaminati anche i dispositivi medici sotto cute che servivano a somministrare farmaci al giovane, al fine di verificarne il corretto funzionamento.

Sanseverino (figlio del compianto presidente del Carotenuto, squadra di calcio di Mugnano del Cardinale) era ricoverato da tre giorni nel reparto di Neurochirurgia del Moscati per sottoporsi ad alcuni accertamenti relativi alla sua patologia: soffriva infatti di tetraparesi spastica in seguito ad un gravissimo incidente che qualche anno fa lo aveva costretto sulla sedia a rotelle.

Alle 14 di venerdì scorso, il suo quadro clinico si presentava fortemente compromesso tanto da indurre i medici a trasferirlo nel reparto di Rianimazione, per poi morire verso le 19.