Fatture elettroniche, ecco l’app gratuita dell’Agenzia delle Entrate

516
Economia, Fattura elettronica: vediamo quali sono i vantaggi

Fisco: con ‘Fattura è’ sarà possibile predisporre e trasmettere le fatture elettroniche in maniera rapida e sicura.

L’Agenzia delle Entrate, in collaborazione con Sogei, ha realizzato un’app per agevolare il passaggio alla fatturazione elettronica. È infatti attiva ‘Fattura è’, con cui è possibile predisporre e trasmettere le fatture elettroniche in maniera rapida e sicura acquisendo in automatico, tramite QR-Code, le informazioni anagrafiche del cliente con partita Iva.

Da oggi, lunedì 2 luglio, sarà disponibile anche il pacchetto software da scaricare sul pc per predisporre le e-fatture anche se non si è connessi a Internet. L’obbligo della fatturazione elettronica per la vendita di carburante a soggetti titolari di partita Iva presso gli impianti stradali di distribuzione è stato rinviato al 2019.Fattura elettronica obbligatoria: scadenza, istruzioni e sanzioni Tuttavia, come riporta Adnkronos, resta comunque ferma la possibilità di emettere fatture elettroniche per gli operatori del settore che intendano adottare da subito questa modalità.

Come funziona

‘Fattura è’ consente ai titolari di partita Iva in possesso delle credenziali Entratel, Fisconline o Spid di predisporre e inviare le fatture elettroniche al Sistema di Interscambio. In particolare, attraverso una procedura guidata, l’app aiuta l’utente a predisporre una fattura ordinaria o semplificata tra privati o una fattura verso la Pa. Per agevolare il più possibile l’operatività nei casi di cessione di carburante, consente inoltre di scegliere un modello di fattura ad hoc.

L’app è già disponibile negli store in ambiente Android e lo sarà a breve anche per iOS. Gli utenti, per predisporre e inviare le E-fatture, possono anche utilizzare la piattaforma web ‘Fatture e Corrispettivi’ che consente di inviare, ricevere (tramite SdI) e conservare le fatture elettroniche.

È inoltre possibile accedere al servizio disponibile sul portale “Fatture e corrispettivi” per registrare l’indirizzo telematico prescelto su cui ricevere le fatture elettroniche (Pec o ‘codice destinatario’). Il codice può essere generato direttamente dal titolare della partita Iva oppure da un suo intermediario delegato.