23-10-20 | 13:13

Teatro San Carlo: in programma “Adriana Lecouvreur” di Francesco Cilea

Home Gossip e Tv Teatro San Carlo: in programma "Adriana Lecouvreur" di Francesco Cilea
- Advertisement -

Notizie più lette

Ampio successo per il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile

Torna al successo il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile. Battuto 4-0 il Nebrodi, riparte la corsa al quarto posto. Torna al successo il Napoli Carpisa...

Torino, la moglie lo allontana: lui va in auto e si dà fuoco

Ultime notizie di cronaca italiana. Dopo aver litigato con la moglie si è rinchiuso nella sua auto e ha appiccato le fiamme alla vettura. La...

Caivano, 17enne muore in piscina mentre si allena

Il mondo del nuoto è sotto choc. Mario Riccio era tesserato con la società Acquachiara di Pomigliano D'Arco. Franco Porzio: "Una tragedia immane". Mario Riccio,...

Ultime notizie Benevento: 14enne si spara con pistola del padre

Benevento news:  14enne si spara con la pistola del padre, è grave Si esclude il gesto volontario, sarebbe stato un incidente. Un quattordicenne di Vallata,...
5a9fa1d6595dda5678b20c716ed74260?s=120&d=mm&r=g
Redazionehttp://www.2anews.it
2Anews è un magazine online di informazione Alternativa e Autonoma, di promozione sociale attivo sull’intero territorio campano e nazionale. Ideato e curato da Antonella Amato, giornalista professionista. Il magazine è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli n.67 del 20/12/2016.

Una drammatica storia d’amore, un personaggio storico realmente esistito, una celebre interprete delle opere di Corneille, Racine e Voltaire, vissuta tra il 1692 e il 1730, fanno da sfondo a questo capolavoro del Novecento. 

di Carlo Farina – Basterebbe la sola presenza sul podio del San Carlo di Daniel Oren, bizzarro ed ecclettico direttore d’orchestra che ci ha lasciato memorabili interpretazioni operistiche, a farci precipitare alla “prima” di “Adriana Lecouvreur” in programma domenica 16 ottobre, alle 17.00. Dopo 13 anni ritorna al San Carlo il capolavoro di Cilea, nel 150° anniversario dalla nascita, con altre 6 repliche fino al 23 ottobre. Reduce dal successo ottenuto, nel luglio scorso, alla Reggia di Caserta con Nabucco di Verdi, Oren ritorna graditissimo sul podio del San Carlo, il cui legame con il teatro e l’Orchestra è ormai consolidato da lunga data. Tra le sue indimenticabili interpretazioni, voglio ricordare quelle del 1982, con “Tosca” di Puccini, che segnò il suo debutto al San Carlo, quella del 1994 con “Un ballo in maschera” di Verdi, e quella del 1996 con “la Boheme” di Puccini e la regia di Zeffirelli. La regia dello spettacolo è curata da Lorenzo Mariani che si avvale, per le scene e i costumi, di Nicola Rubertelli e Giusi Giustino, che ne curarono l’allestimento nel 2003. Una data molto significativa questa, perché in quell’anno l’ultima edizione di “Adriana Lecovreur”, fu affidata alla splendida voce di una delle soprano più belle e brave della lirica italiana, Daniela Dessì, il cui ricordo per la recente scomparsa (1957 – 2016), è ancora molto vivo. Un cast internazionale di ottimi cantanti, si alternerà sul palcoscenico del San Carlo, da Barbara Frittoli e Svetla Vassileva per il ruolo della protagonista, da Marcello Giordani a Gustavo Porta per il ruolo di Maurizio, da Luciana D’Intino a Marianne Cornetti per quello della principessa di Bouillon. Questi alcuni dei nomi di spicco presenti nel cast, che si alterneranno nelle recite previste. Rappresentata per la prima volta al teatro Lirico di Milano nel 1902, segnando la definitiva ascesa dell’autore tra i massimi operisti italiani di fama internazionale, fu  proposta nel 1930 al San Carlo quando Cilea aveva già deciso di snellire e rivedere l’intera partitura dell’opera, ottenendo  grande successo e definitivi consensi. Il libretto è di Arturo Colautti che, reduce dal successo ottenuto con “Fedora” di Giordano, volle ispirarsi a personaggi realmente esistiti, ispirandosi all’omonimo dramma di Scribe e Legouvè. La morte della protagonista, leggendaria attrice, dotata di grande fascino e notevole bravura, è avvolta nel mistero, tuttavia Cilea preferì una versione più “teatrale”, puntando sull’ avvelenamento per mano della sua rivale in amore, la principessa di Bouillon, con un finale romanzesco, infatti Adriana sarà uccisa dal profumo velenoso di un mazzo di fiori. La caratteristica principale della musica di Cilea sono i “Leitmotive” una sorta di “colonna sonora” della scena, che accompagneranno le entrate in scena di tutti i protagonisti dell’opera, a cominciare dalla protagonista Adriana, che esordisce con l’aria “Io son l’umile ancella”, una delle più belle di tutta l’opera, dotata di un intenso e struggente lirismo.

- Advertisement -

Ultime Notizie

Avella, impennata di contagi Covid: disposto il lockdown fino al 2 novembre

Ad Avella, in provincia di Avellino, il sindaco Domenico Biancardi ha emesso una ordinanza che dispone il lockdown da oggi e sino al 2...

Blocco mobilità interprovinciale in Campania, il chiarimento: ecco a chi non si applica

La Regione ha precisato alcuni punti in merito all'ordinanza che impone il blocco della mobilità interprovinciale in Campania. Il divieto di mobilità interprovinciale in Campania,...

Beautiful, anticipazioni 26 ottobre-1° novembre: Thomas è in coma

Anticipazioni Beautiful da lunedì 26 ottobre a domenica 1° novembre: Thomas Forrester è in coma dopo essere caduto da una scogliera. Ridge è furioso...

Zona rossa ad Arzano: in campo circa 300 militari

L'Esercito è stato chiamato a presidiare con le Forze di Polizia la quasi totalità dei 22 varchi di accesso alla città di Arzano, dichiarata...

Covid 19 in Irpinia, 47 positivi e due morti: contagiato anche il sindaco di Monteforte

Covid 19 in Irpinia: tra i positivi al virus c’è anche Costantino Giordano (primo cittadino di Monteforte Irpino). L’ultimo bollettino sui contagi da Covid...