Sarri contro la giornalista: “Non ti mando a quel paese perché sei una bella donna”

0
1917
Calcio Napoli, il lungo addio al Comandante Maurizio Sarri

Il tecnico del Calcio Napoli, Maurizio Sarri contro Titti Improta. Immediata la reazione dell’Ordine dei giornalisti Campania: “Una risposta sessista inaccettabile”.

“Sei una donna e sei carina, per questo non ti mando affanc…”. E’ polemica sulla risposta sessista che Maurizio Sarri ha dato nel post partita a San Siro a una domanda di Titti Improta. Giornalista dell’emittente campana Canale 21 che aveva chiesto se dopo il pari lo scudetto fosse compromesso. Il video è diventato un caso sui social in queste ore con una valanga di critiche al tecnico del Napoli.

Sarri, al termine della conferenza stampa, si è reso conto della sua uscita fuori luogo e ha fatto chiamare la giornalista alla presenza del portavoce del Napoli Nicola Lombardo. “Mi ha chiesto – racconta Improta – se fossi permalosa e io gli ho risposto che non lo sono ma che lui non si può permettere di usare espressioni del genere. A quel punto Sarri si è scusato, dicendo di aver commesso un errore”.

Sarri: "Non ti mando a quel paese perché sei una bella donna"“Sei una donna, sei carina e per questi due motivi non ti mando a fare in c…’. Con queste ‘eleganti’ parole, l’allenatore del Napoli, Maurizio Sarri, ha risposto ieri sera in conferenza stampa alla giornalista di Canale 21, Titti Improta”. Lo denuncia l’Ordine dei Giornalisti della Campania. “A telecamere spente – aggiunge Ottavio Lucarelli, presidente dell’Ordine – Sarri si è poi scusato, ma rimane la gravità della sua risposta che segna non solo il gergo volgare dell’allenatore, ma il suo disprezzo verso la stampa e verso le donne. Totale solidarietà alla collega Titti Improta, segretario dell’Ordine della Campania e presidente della Commissione pari opportunità, che sta ricevendo in queste ore messaggi e sostegno da tutta l’Italia”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here