23-10-20 | 13:19

San Giorgio a Cremano, stupro in stazione Circumvesuviana: minacce sul web agli indagati

Home Cronaca di Napoli San Giorgio a Cremano, stupro in stazione Circumvesuviana: minacce sul web agli...
- Advertisement -

Notizie più lette

Ampio successo per il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile

Torna al successo il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile. Battuto 4-0 il Nebrodi, riparte la corsa al quarto posto. Torna al successo il Napoli Carpisa...

Torino, la moglie lo allontana: lui va in auto e si dà fuoco

Ultime notizie di cronaca italiana. Dopo aver litigato con la moglie si è rinchiuso nella sua auto e ha appiccato le fiamme alla vettura. La...

Caivano, 17enne muore in piscina mentre si allena

Il mondo del nuoto è sotto choc. Mario Riccio era tesserato con la società Acquachiara di Pomigliano D'Arco. Franco Porzio: "Una tragedia immane". Mario Riccio,...

Ultime notizie Benevento: 14enne si spara con pistola del padre

Benevento news:  14enne si spara con la pistola del padre, è grave Si esclude il gesto volontario, sarebbe stato un incidente. Un quattordicenne di Vallata,...
55f753ac4fd0bf9dc9150b50d12da632?s=120&d=mm&r=g
Luigi Maria Mormonehttps://www.2anews.it
Luigi Maria Mormone, cura la pagina di cronaca su Napoli e provincia, attualità e sport (pallanuoto, basket, volley, calcio femminile ecc.), laureato in Filologia Moderna, giornalista pubblicista.

San Giorgio a Cremano: minacce ai tre indagati per lo stupro di una 24enne di Portici nell’ascensore della Circumvesuviana. Lettera della vittima: “Purezza del mio corpo è stata calpestata”.

L’inchiesta sullo stupro ai danni di una 24enne di Portici, avvenuto lo scorso 5 marzo all’interno dell’ascensore della Circumvesuviana di San Giorgio a Cremano, ha in questi giorni avuto sviluppi che stanno facendo molto discutere l’opinione pubblica: la scarcerazione da parte del Riesame di due degli indagati (ovvero Alessandro Sbrescia e Antonio Cozzolino).

L’ultimo dei tre indagati, Raffaele Borrelli, è ancora in carcere, ma, come spesso accaduto nell’epoca dei social network, si stanno moltiplicando le minacce sui profili Facebook dei ragazzi.San Giorgio, stupro in stazione Circumvesuviana: minacce sul web agli indagati Come riportato da “Il mattino”, i loro profili sono stati visitati da centinaia di persone, che hanno lasciato commenti durissimi, offese, addirittura minacce: “Fossi in te non uscirei più di casa” e più esplicite minacce di morte. Tali messaggi aggressivi sono stati rivolti anche all’indirizzo degli avvocati del collegio di difesa degli indagati.

Stupro in Circum San Giorgio a Cremano, lettera della vittima: “Il mio corpo era diventato scarto”

Dopo l’amaro sfogo in seguito alla scarcerazione dei primi due indagati, la vittima dello stupro all’interno dell’ascensore della Circumvesuviana di San Giorgio a Cremano, una 24enne di Portici, ha descritto quanto le è accaduto in una lettera (pubblicata da “Il Mattino”):

Bastano pochi minuti e ritorno col pensiero. Erano attimi di incapacità a reagire di fronte la brutalità e la supremazia di tre corpi. Erano attimi in cui la mente sembrava come incapace di comprendere, di totale perdizione dell’essere. E dopo che il corpo era diventato scarto e oggetto, ho provato una sorta di distacco da esso.San Giorgio, stupro in stazione Circumvesuviana: minacce sul web agli indagati Il mio corpo, sede della mia anima, così sporco. Mi sembrava di essere avvolta dalla nebbia mentre mi trascinavo su quella panchina dopo quelli che saranno stati 7 o 8 minuti. Mi sono seduta e non l’ho avvertito più. Ho cominciato ad odiarlo e poi a provare una profonda compassione per il mio essere.

Compassione che ancora oggi mi accompagna, unita ad una sensazione di rabbia impotente, unita al rammarico, allo sdegno, allo sporco, al rifiuto e poi all’accettazione di un corpo che fatico a riconoscere perché calpestato nella sua purezza. Il futuro diviene una sorta di clessidra. Consumato il corpo e la mente dal tempo odierno ricerca una vita semplice”.

Dopo queste tristi e intense parole, c’è però un messaggio di speranza: “Mi piacerebbe essere a capo di un’associazione che si occupa della prevenzione, della tutela e della salvaguardia delle donne, ragazze, bambine a rischio, perché donare se stessi e il proprio vissuto per gli altri è l’unico modo per accettarlo”.

- Advertisement -

Ultime Notizie

Avella, impennata di contagi Covid: disposto il lockdown fino al 2 novembre

Ad Avella, in provincia di Avellino, il sindaco Domenico Biancardi ha emesso una ordinanza che dispone il lockdown da oggi e sino al 2...

Blocco mobilità interprovinciale in Campania, il chiarimento: ecco a chi non si applica

La Regione ha precisato alcuni punti in merito all'ordinanza che impone il blocco della mobilità interprovinciale in Campania. Il divieto di mobilità interprovinciale in Campania,...

Beautiful, anticipazioni 26 ottobre-1° novembre: Thomas è in coma

Anticipazioni Beautiful da lunedì 26 ottobre a domenica 1° novembre: Thomas Forrester è in coma dopo essere caduto da una scogliera. Ridge è furioso...

Zona rossa ad Arzano: in campo circa 300 militari

L'Esercito è stato chiamato a presidiare con le Forze di Polizia la quasi totalità dei 22 varchi di accesso alla città di Arzano, dichiarata...

Covid 19 in Irpinia, 47 positivi e due morti: contagiato anche il sindaco di Monteforte

Covid 19 in Irpinia: tra i positivi al virus c’è anche Costantino Giordano (primo cittadino di Monteforte Irpino). L’ultimo bollettino sui contagi da Covid...