Rischio colate di fango a Sarno, evacuate 200 persone

294
Rischio colate fango a Sarno, evacuate 200 persone

Le circa 200 persone che stanno lasciando le proprie abitazioni a Sarno sono i residenti della fascia pedemontana ai piedi del monte Saretto, interessato da un vasto incendio il 20 settembre scorso.

Sono circa 200 le persone che, da stamattina, lasciano le proprie abitazioni a Sarno, nel Salernitano. Si tratta dei residenti della fascia pedemontana ai piedi del monte Saretto, interessato da un vasto incendio il 20 settembre scorso. Le strade interessate sono via Pietro Nocera, vicolo Orefice, via Mortaro e vicoli adiacenti, vicolo San Martino e vicolo Tre Corone.

Alla base dell’evacuazione, l’ordinanza del sindaco Giuseppe Canfora che, in via precauzionale e alla luce di quanto accaduto nella notte tra domenica e lunedi’, con le strade del centro storico invase da fango e detriti venuti giu’ dal versante del Saretto, ha ordinato che i residenti di quella zona si allontanassero dalle proprie case. “Una misura di previsione e prevenzione resasi necessaria per garantire la sicurezza e l’incolumita’ dei cittadini che saranno accolti in strutture di sicurezza”, spiegano dal Comune che ha allestito la scuola media Baccelli come centro di accoglienza.

La nota del sindaco.

“So bene cosa significhi lasciare la propria casa, ma in questo momento e’ necessario” ha scritto il sindaco, Giuseppe Canfora, sui social. “Queste ore – ha spiegato – passeranno in fretta, ci sara’ supporto per tutti. Siamo sul territorio per aiutare tutti. La nostra storia ci ha insegnato a non sottovalutare certe situazioni, ad avviare tutte le misure precauzionali del caso”. Il riferimento e’ all’incendio che ha interessato il monte Saretto il 20 settembre scorso e, soprattutto, all’alluvione del maggio 1998 quando persero la vita 137 persone.