Malasanità, ricoverata per calcoli muore a 28 anni: 9 medici a processo

1358
Salerno, urla

Caso di malasanità a Salerno: rimandati a giudizio medici e dirigenti del San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona per la morte di una 28enne.

E’ il settembre del 2014 quando il cuore di Denise De Simone smette di battere. Ha solo 28 anni e una vita davanti. La stessa che viene spezzata dopo quello che sembrava un semplice ricovero per alcuni calcoli alla cistifellea.

Ieri il Gup del tribunale di Salerno, Stefano Berni Canani, ha rinviato a giudizio, per questo caso di malasanità, nove tra medici e dirigenti dell’unità di chirurgia del San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona.

E’ così che il 18 maggio Cosimo Mazzeo, Antonio Canero, Attilio Maurano, Anna Pollio, Guido De Feo, Giuseppe De Nicola, Pasquale Ardimento, Silvana Anzalone e Antonio Carrano dovranno presentarsi davanti ai giudici.

Ad assisterli gli avvocati Paolo Carbone, Silverio Sica, Michele Tedesco, Guglielmo Scarlato e Laura Ceccarelli. Mentre la famiglia di Denise, costituitasi parte civile nel processo, sarà rappresentata dall’avvocato Ducci.

Stando al parere del sostituto procuratore Francesca Fittipaldi, gli accertamenti diagnostici cui è stata sottoposta la 28enne sarebbero arrivati con colpevole ritardo, sottovalutando la situazione.

Così come durante l’intervento chirurgico sarebbero stati commessi errori gravissimi, che poi hanno portato al decesso della ragazza.