Mercato etnico, accordo con il Comune. Le proteste dei cittadini

1920
Mercato etnico, accordo con il Comune. Le proteste dei cittadini

E’ stata accettata la proposta del Comune di Salerno: il mercato etnico dei senegalesi e dei bengalesi verrà allestito in via Tenente Calò e sul lungomare Marconi.

Mercato etnico, accordo con il Comune. Le proteste dei cittadini L’accordo del Comune di Salerno con i senegalesi e bengalesi per i mercatini etnici suscita preoccupazione tra i cittadini della zona. I rappresentanti dei residenti esprimono, in commissione mobilità, tutta la preoccupazione sulla novità che toglierà loro buona parte dell’agibilità della strada e circa 40 posti auto. Non solo. Chiedono anche maggiore garanzia per la sicurezza. A questo proposito i residenti hanno fatto pervenire al Comune, attraverso il consigliere Leonardo Gallo, tutte le perplessità di questo accordo sull’allestimento dei mercatino etnico. «I residenti sono preoccupati per la decisione di allocare il mercatino etnico di Salerno in via Calò – spiega Gallo -. Mercato etnico, accordo con il Comune. Le proteste dei cittadini Il presidente della commissione mobilità si è subito interessato a questo problema. Sono certo che amministrazione e cittadini, dialogando lealmente, troveranno punti di incontro che soddisfino le esigenze di tutti». Attraverso l’intervento degli avvocati Annamaria Viviani e Valerio Greco e di Paola Pisani, amministratrice di alcuni dei condomini della zona, i residenti hanno fatto sapere di temere la mancanza di posti autole installazioni, per diverse ore al giorno, ne elimineranno circa 40 – e di perdere un pezzo di strada utile a scongiurare parte del traffico del centro. L’idea, quantomeno per ovviare alla questione relativa ai posti auto, sembra essere quella di trovare un accordo con Salerno mobilità concedendo ai residenti, probabilmente a rotazione, dei posti nei parcheggi di piazza Mazzini o piazza della Concordia. «Comprendiamo perfettamente le esigenze dei residenti che abbiamo voluto ascoltare non appena ce l’hanno chiesto – spiega il presidente della commissione mobilità Mimmo ventura -. Ci impegneremo per trovare il modo di superare questa difficoltà. Nei prossimi giorni valuteremo la soluzione più adatta con l’assessore Mimmo De Maio e l’amministratore di Salerno Mobilità Massimiliano Giordano». Allertato sulla questione anche l’assessore alle attività produttive Dario Loffredo che chiarisce: «L’organizzazione dei mercato etnico è già stata pensata per impattare il meno possibile con le abitudini dei residenti».