19-10-20 | 17:31

Revenge porn, sì unanime della Camera sul nuovo reato

Home Politica Revenge porn, sì unanime della Camera sul nuovo reato
- Advertisement -

Notizie più lette

Ampio successo per il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile

Torna al successo il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile. Battuto 4-0 il Nebrodi, riparte la corsa al quarto posto. Torna al successo il Napoli Carpisa...

Torino, la moglie lo allontana: lui va in auto e si dà fuoco

Ultime notizie di cronaca italiana. Dopo aver litigato con la moglie si è rinchiuso nella sua auto e ha appiccato le fiamme alla vettura. La...

Caivano, 17enne muore in piscina mentre si allena

Il mondo del nuoto è sotto choc. Mario Riccio era tesserato con la società Acquachiara di Pomigliano D'Arco. Franco Porzio: "Una tragedia immane". Mario Riccio,...

Ultime notizie Benevento: 14enne si spara con pistola del padre

Benevento news:  14enne si spara con la pistola del padre, è grave Si esclude il gesto volontario, sarebbe stato un incidente. Un quattordicenne di Vallata,...
23cdab26c88f714dd9afeb2fab1bdf03?s=120&d=mm&r=g
Francesco Monacohttps://www.2anews.it
Francesco Monaco, giornalista pubblicista. Esperienza dalla carta stampata a internet, radio e tv. Scrittore, il suo primo romanzo: 'Baciami prima di andare'.

Approvato all’unanimità l’emendamento al disegno di legge codice rosso che introduce il reato di revenge porn, dopo l’accordo tra maggioranza e opposizione.

La Camera ha approvato all’unanimità, con 461 voti, l’emendamento al disegno di legge ‘codice rosso’ che introduce il reato di revenge porn, dopo che è stato raggiunto l’accordo tra maggioranza e opposizione. Sulla norma, che vieta la diffusione di video hard a fini ricattatori, la settimana scorsa si era registrato uno scontro in Aula, dopo la presentazione del relativo emendamento da parte di Federica Zanella, di Forza Italia, con rinvio dell’esame del disegno di legge ‘codice rosso’, in materia di tutela delle vittime di violenza domestica e di genere. Alla ripresa dei lavori oggi è stato presentato un nuovo emendamento della commissione, condiviso da tutte le forze politiche, da parte della relatrice del provvedimento Stefania Ascari del Movimento 5 Stelle.

In base al testo proposto dalla commissione, “salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque, dopo averli realizzati o sottratti, invia, consegna, cede, pubblica o diffonde immagini o video di organi sessuali o a contenuto sessualmente esplicito, destinati a rimanere privati, senza il consenso delle persone rappresentate, è punito con la reclusione da uno a sei anni e la multa da 5.000 a 15.000 euro”. “La stessa pena si applica a chi, avendo ricevuto o comunque acquisito le immagini o i video li invia, consegna, cede, pubblica o diffonde senza il consenso delle persone rappresentate al fine di recare loro nocumento. La pena è aumentata se i fatti sono commessi dal coniuge, anche separato o divorziato, o da persona che è o è stata legata da relazione affettiva alla persona offesa ovvero se i fatti sono commessi attraverso strumenti informatici o telematici”. “La pena è aumentata da un terzo alla metà se i fatti sono commessi in danno di persona in condizione di inferiorità fisica o psichica o in danno di una donna in stato di gravidanza. Il delitto è punito a querela della persona offesa. Il termine per la proposizione della querela è di sei mesi. La remissione della querela può essere soltanto processuale”. Si procede tuttavia d’ufficio quando i fatti sono commessi nei riguardi di persona in stato di inferiorità fisica o psichica o di una donna in gravidanza, “nonché quando il fatto è commesso con altro delitto per il quale si deve procedere d’ufficio”.

Ritirato emendamento su castrazione chimica

Quanto all’emendamento sulla castrazione chimica, la ministra della Pubblica amministrazione, Giulia Bongiorno, ne ha annunciato il ritiro. “Noi della Lega avevamo chiesto di aggiungere con un emendamento quella che nel linguaggio tecnico viene definita la castrazione chimica, che non è altro che un trattamento farmacologico volontario e reversibile, già previsto in altri Paesi. Siamo consapevoli che questo emendamento, in questa fase, non è condiviso dai Cinque Stelle. Abbiamo, quindi, deciso di ritirarlo – ha detto Bongiorno – Ora, infatti, abbiamo una priorità: quella di mandare avanti compatto questo governo”.

- Advertisement -

Ultime Notizie

Beautiful, anticipazioni puntata 20 ottobre: Flo viene arrestata ma dov’è Thomas?

Anticipazioni Beautiful: la puntata di domani, martedì 20 ottobre, vedrà nuovi colpi di scena nella vicenda che coinvolge Hope, Flo e Thomas Forrester. Le anticipazioni...

Monitoraggio del Covid 19 nelle acque reflue: parte il progetto SARI Campania

SARI Campania per il monitoraggio del Covid 19 nelle acque reflue: convenzione tra Arpa Campania, Centro interuniversitario di previsione e prevenzione dei Grandi RIschi...

Movida a Pompei, apertura oltre l’orario consentito: multa per sette locali

Pompei: sabato scorso la Polizia ha multato sette locali che risultavano aperti oltre l’orario consentito. Sabato scorso gli agenti del Commissariato di Pompei hanno effettuato...

Calcio Napoli, Lorenzo Insigne torna in gruppo

Ottime notizie per il Calcio Napoli dal ritiro di Castelvolturno, dove capitan Insigne è tornato per la prima volta ad allenarsi con i compagni...

Scuole chiuse in Campania, il Tar dà ragione a De Luca

Il Tar dà ragione alla Regione e al governatore Vincenzo De Luca in merito alle scuole chiuse in Campania. Il Tar dà ragione alla Regione...