20-10-20 | 22:05

I puntini sulla A. VAR…gogna: la solita storiella all’italiana

Home Sport I puntini sulla A. VAR…gogna: la solita storiella all’italiana
- Advertisement -

Notizie più lette

Ampio successo per il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile

Torna al successo il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile. Battuto 4-0 il Nebrodi, riparte la corsa al quarto posto. Torna al successo il Napoli Carpisa...

Torino, la moglie lo allontana: lui va in auto e si dà fuoco

Ultime notizie di cronaca italiana. Dopo aver litigato con la moglie si è rinchiuso nella sua auto e ha appiccato le fiamme alla vettura. La...

Caivano, 17enne muore in piscina mentre si allena

Il mondo del nuoto è sotto choc. Mario Riccio era tesserato con la società Acquachiara di Pomigliano D'Arco. Franco Porzio: "Una tragedia immane". Mario Riccio,...

Ultime notizie Benevento: 14enne si spara con pistola del padre

Benevento news:  14enne si spara con la pistola del padre, è grave Si esclude il gesto volontario, sarebbe stato un incidente. Un quattordicenne di Vallata,...
784f600db01bb8bfa51ce5e9cf455fc8?s=120&d=mm&r=g
Gianmarco Giuglianohttps://www.2anews.it
Gianmarco Giugliano, cura la pagina dello sport calcio di 2ANews, laureato in Giurisprudenza, scrittore.

Sono ben 52 gli interventi del VAR, dopo il girone d’andata, che hanno determinato modifiche alle decisioni dell’arbitro sul campo rimediando ad evidenti errori di valutazione. Il giudizio è decisamente positivo ma, nelle ultime partite, si è evidenziata una pericolosa tendenza.

Partiamo subito dalla considerazione che lo strumento del VAR è stato introdotto in fase sperimentale e la Serie A è stata una delle Leghe che sono state favorevoli all’introduzione della tecnologia come aiuto all’arbitro. Diciamo anche che dall’anno prossimo anche sui campi di Spagna ed Inghilterra il VAR sarà introdotto. In poche parole sembra ormai chiaro che indietro non si torna ed in effetti un eventuale abbandono della tecnologia sul campo equivarrebbe, nell’era moderna che si basa sull’energia elettrica, al ritorno alle candele o ai lampioni ad olio.

Il “fine” è semplice: aiutare l’arbitro con l’ausilio delle immagini TV nella valutazione di situazioni poco chiare o al limite; tutto in nome della regolarità e della giustizia.

Tutto molto bello come un manuale di diritto amministrativo ma in pratica le cose cambiano e cambiano sempre per volontà dell’essere umano, troppo impegnato ad affermare le proprie necessità piuttosto che applicarsi al bene comune.

Detto ciò, è vero che l’ausilio del VAR è a discrezionalità dell’arbitro (almeno per ora questa è la regola) ma è anche vero che il dubbio dovrebbe venire naturale e, naturalmente, si dovrebbe chiedere la possibilità di rivedere l’azione solo per l’eventualità di aver commesso un errore.

Ed ecco, quindi, presentarsi una tipica storia all’italiana: fatta la legge trovato l’inganno. Per evitare l’uso del VAR, è lo stesso arbitro che “decide” di aver visto bene e di non aver bisogno dell’aiuto tecnologico: tutto nelle regole, ovviamente, a totale discapito della verità e della regolarità dell’incontro. Chi ne beneficia? Incredibile a credersi: la Juventus… per ben due volte!!! Che gli arbitri, poi, vengano fermati per uno o due turni, poco importa: l’importante è, come al solito, difendere gli interessi del più forte… altro tipico atteggiamento italiano. Meglio uno o due turni fermi che rischiare di non arbitrare più.

I puntini sulla A: VAR…gogna: la solita storiella all’italiana

Personalmente credo che il danno provocato da questi atteggiamenti arbitrari ed arbitrali siano più grandi della semplice conseguenza in classifica. Non credo che una squadra che lotti per lo scudetto, sapendo di poter ricevere dei torti, riesca a giocare serenamente. Al Napoli è già capitato tre anni fa: ad Udine (dopo che il giorno prima la Juventus era stata palesemente avvantaggiata nel derby) fu espulso Higuain per 4 turni ed i giocatori persero la testa, perdendo anche la partita. Il Napoli non riprenderà più il primo posto, ovviamente.

Non bisogna sottovalutare le conseguenze psicologiche di questi errori: la pressione che possono arrecare, può essere devastante e, se aggiungiamo, che gli errori vanno sempre in una direzione, la componente psicologica può diventare determinante.

Dopo un girone d’andata piuttosto tranquillo (proprio grazie al VAR) sembra che il vecchio detto “in dubio, pro Juve” debba tornare ad essere la regola principale del campionato italiano. Perché? Forse non lo sapremo mai, ma il dubbio che il campionato “debba” essere indirizzato sempre nella stessa direzione è fortissimo anche col VAR.

Quali le soluzioni? Nel tennis o nella pallavolo si può chiedere all’arbitro (semmai solo una volta a partita o una per tempo di gioco), da parte degli interessati, di rivedere l’azione alla TV (nel tennis c’è il cosiddetto “occhio di falco”). Non sono rari i casi di errori arbitrali evitati grazie all’intervento del giocatore o della squadra interessata. Ciò toglierebbe all’arbitro quella discrezionalità (o supponenza) che rischia di minare la credibilità di uno strumento utilissimo e sacrosanto.

Per quest’anno, però, si proseguirà così e solo la speranza di una maggiore “coscienza” da parte della classe arbitrale, può far sperare nella regolarità di un campionato troppe volte, in passato, stuprato da decisioni assurde che ne hanno cambiato la storia e l’albo d’oro.

Il tifoso sogna, spera, gioisce per la propria squadra: non continuate a rovinare il giocattolo più bello nelle mani degli italiani. Basta un po’ di coscienza, niente altro…

 

- Advertisement -

Ultime Notizie

Covid 19 a Napoli, positivo il comico Simone Schettino: rinviato lo spettacolo al teatro Troisi

Simone Schettino positivo al Covid 19: il suo spettacolo al teatro Troisi (originariamente in programma il 24-25 ottobre) è stato spostato al 14-15 novembre....

Coronavirus in Campania, i dati del 19 ottobre: 1312 nuovi positivi

Coronavirus in Campania: il bollettino di ieri 19 ottobre dell'unità di Crisi regionale riporta 1.312 nuovi positivi su 10.205 tamponi effettuati. Anche oggi superati i...

Un posto al sole: alcuni personaggi “storici” lasceranno la soap di Rai 3?

Un posto al sole: dopo l’addio di Carmen Scivittaro (Teresa), anche altri personaggi di spicco potrebbero uscire dalla trama della soap “made in Napoli”. In...

Covid 19 in Campania: Striscia la notizia documenta i ritardi per i tamponi (VIDEO)

Covid 19 in Campania: Luca Abete (inviato del Tg satirico di Canale 5) ha raccolto le testimonianze di alcune famiglie a casa in attesa...

Da lunedì 26 ottobre riaprono le scuole elementari in Campania

Presupposto necessario per la riapertura delle scuole elementari in Campania sarà la garanzia delle condizioni sanitarie dei singoli istituti. "C'è stata una prima riunione poco...