venerdì, Aprile 16, 2021

Policlinico Federico II: c’è l’ok al piano per il Pronto soccorso

- Advertisement -

Notizie più lette

Policlinico Federico II: c’è l’ok al piano per il Pronto soccorso
Luigi Maria Mormonehttps://www.2anews.it
Luigi Maria Mormone, cura la pagina di cronaca su Napoli e provincia, attualità e sport (pallanuoto, basket, volley, calcio femminile ecc.), laureato in Filologia Moderna, giornalista.

Policlinico Federico II di Napoli: c’è il via libera della Scuola di Medicina per la realizzazione del Pronto soccorso. I lavori per il nuovo padiglione costeranno 6 milioni di euro.

- Advertisement -

Via libera al progetto per la realizzazione del Pronto soccorso al Policlinico Federico II di Napoli. La delibera dell’accordo è stata sottoscritta nella giornata di ieri, martedì 23 febbraio, dai docenti della Scuola di Medicina della Federico II (presieduta da Maria Triassi).

Il nuovo padiglione 12 aprirà tra circa tre anni, per un progetto che costerà circa 6 milioni di euro (di cui quattro per le ristrutturazioni e 2,5 per le apparecchiature).

Si tratta di una vera e propria svolta per la struttura ospedaliera partenopea, per la quale da anni sindacati, addetti ai lavori e cittadini reclamavano la costruzione di un Pronto soccorso (che dunque potrà “alleggerire” l’accesso al vicino ospedale Cardarelli).

Sono certa -dichiara a “Il Mattino” Maria Triassi (preside della Scuola di Medicina)- che anche le residue resistenze e scetticismi che il progetto riscuote tra qualche docente possano essere fugate in un tavolo a quattro tra Scuola di Medicina, Ateneo, Azienda ospedaliera e Regione Campania”.

Triassi sottolinea inoltre che abbiamo i fondi, già stanziati dalla Regione sul capitolo dell’emergenza Covid, abbiamo il progetto ed esiste un cronoprogramma. Sono convinta che la sostenibilità dei corsi di laurea e di specializzazione sia raggiungibile solo attraverso un grande Pronto soccorso che qualifichi le attività assistenziali funzionali alla didattica e alle ricerche proprie della formazione in Medicina”.

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Ultime Notizie