“PETRA”, il nuovo album di Luca Aquino. I ricavati destinati al sito di Petra e all’Orchestra Giordania

953

di Antonella Amato – Petra è il nuovo album di Luca Aquino e della Jordanian National Orchestra. I ricavati dell’album andranno al sito di Petra e all’associazione no-profit che sostiene l’Orchestra Giordana. Un concerto speciale che si è tenuto nel parco archeologico di Petra, da cui il disco del trombettista sannita prende il nome, nell’ambito della campagna globale Unesco #Unite4Heritage.

L’idea di una registrazione nel sito archeologico nasce dalla passione del trombettista e compositore per l’utilizzo di riverberi acustici naturali all’interno della composizione musicale. Riconosciuto tra i musicisti di jazz di maggiore talento in Europa, Aquino è stato affascinato dal potenziale acustico di “Piccola Petra” durante le sue tre visite in Giordania. “Piccola Petra” è parte del Parco Archeologico di Petra, patrimonio mondiale dell’Unesco, sito d’ineguagliabile bellezza e di pregio architettonico senza pari.

L’iniziativa senza precedenti è frutto della collaborazione tra l’Ufficio Unesco Amman, Talal Abu-Ghazaleh Organization, Jordanian National Orchestra Association e Petra Development and Toursim Region Authority.petra

Il supporto di Talal Abu-Ghazaleh, presidente e mecenate della Jordanian National Orchestra Association, è stato fonadamentale per la riuscita della registrazione. Petra è il primo progetto discografico prodotto dalla Talal Abu-Ghazaleh International Records, una nuovissima etichetta fondata con lo scopo di sviluppare e sostenere l’industria musicale in Giordania. Da oggi tre delle nove composizioni originali firmate da Aquino saranno disponibili per un periodo limitato sul sito http://www.lucaaquino.com; mentre il 23 agosto è la data a partire dalla quale l’intero album sarà disponibile online.

L’Ufficio Unesco di Amman ha accolto e promosso con entusiasmo questa iniziativa culturale, all’interno del movimento globale #Unite4Heritage, in un momento particolarmente critico e delicato. La campagna internazionale nasce in risposta ai recenti attacchi al patrimonio artistico e culturale mondiale, sollecita i cittadini di tutto il mondo a prendere posizione contro l’estremismo e la radicalizzazione celebrando i luoghi e le tradizioni culturali che fanno di ogni Paese un luogo ricco e carico di suggestioni.

“Registrare un album in Giordania – dice Luca Aquino – tra i colori del deserto e i riverberi del sito archeologico di Petra, è un sogno inseguito per anni e finalmente realizzato. Un’esperienza mistica, condivisa con un fantastico organico cosmopolita, proveniente da culture e nazionalità apparentemente lontane che, unite dall’urgenza espressiva della musica, ha dato vita ad un sound che soffia luce dai minareti, sorvola la mia bella Benevento e punta dritto a New Orleans. Buon ascolto”.