01-12-20 | 16:21

Oggi si festeggia Sant’Aspreno: fu il primo vescovo di Napoli

Home Cultura Oggi si festeggia Sant’Aspreno: fu il primo vescovo di Napoli
- Advertisement -

Notizie più lette

Ampio successo per il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile

Torna al successo il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile. Battuto 4-0 il Nebrodi, riparte la corsa al quarto posto. Torna al successo il Napoli Carpisa...

Torino, la moglie lo allontana: lui va in auto e si dà fuoco

Ultime notizie di cronaca italiana. Dopo aver litigato con la moglie si è rinchiuso nella sua auto e ha appiccato le fiamme alla vettura. La...

Coronavirus a Caserta, buone notizie: sono in netto aumento i guariti

Coronavirus a Caserta: in aumento il numero di guariti dal Covid 19 (una ventina negli ultimi giorni). Buone notizie sull’emergenza Coronavirus nel Casertano, dove sono...

Ultime Notizie: Bacoli, è polemica sui rifiuti trasferiti in area di sosta

Ultime Notizie Fa discutere a Bacoli la procedura di trasferimento dei rifiuti eseguita in città, in un'area di sosta pubblica. L’attivista Nestore Antonio Sabatano, presidente...
55f753ac4fd0bf9dc9150b50d12da632?s=120&d=mm&r=g
Luigi Maria Mormonehttps://www.2anews.it
Luigi Maria Mormone, cura la pagina di cronaca su Napoli e provincia, attualità e sport (pallanuoto, basket, volley, calcio femminile ecc.), laureato in Filologia Moderna, giornalista.

Oggi, lunedì 3 agosto, si celebra Sant’Aspreno: fu il primo vescovo di Napoli ed è venerato come secondo patrono della città partenopea.

Oggi, lunedì 3 agosto, si celebra Sant’Aspreno. Una giornata particolare per Napoli, visto che Aspreno è stato il primo vescovo nonché primo patrono della città partenopea. Subito dopo San Gennaro, dal 1673 è venerato come secondo patrono della città.

Vissuto tra I-II secolo D.C., la sua vita si sarebbe svolta sotto gli imperatori Traiano e Adriano. Fu particolarmente ricolmo d’amore verso i poveri e si dimostrò sempre disponibile verso qualsiasi persona al di là del ceto e della condizione sociale: ecco perché il suo speciale carisma fece accrescere la comunità cristiana napoletana.

Particolarmente invocato per curare l’emicrania, Aspreno avrebbe ricevuto il Kerygma cristiano dall’apostolo Pietro che, giunto da Antiochia diretto a Roma, si sarebbe fermato a Napoli dove avrebbe guarito da un male un’anziana, la quale si sarebbe convertita per poi divenire Santa Candida la Vecchia: Candida avrebbe portato da Pietro proprio Aspreno, anch’egli infermo.

La leggenda narra che, a guarigione avvenuta, Aspreno si convertì e quando Pietro dovette lasciare Napoli per Roma lo consacrò vescovo, poiché nel frattempo la comunità cristiana era divenuta ampia e necessitava di un pastore. Avrebbe fatto costruire l’edificio di culto di Santa Maria del Principio, dove poi sarebbe sorta la Basilica di Santa Restituta e quindi il Duomo di Napoli. La leggenda attribuisce ad Aspreno anche la fondazione della Basilica di San Pietro ad Aram, prima chiesa napoletana, dove è ancora presente l’altare su cui Pietro avrebbe celebrato il Sacrificio eucaristico.

Sepolto secondo la tradizione nella chiesa di Santa Maria del Principio, recenti ricerche hanno affermato che i suoi resti si trovassero nelle Catacombe di San Gennaro e furono traslati per decisione del vescovo di Napoli Giovanni IV lo Scriba nella basilica Stefania, dove ad oggi riposano sotto l’altare della cappella che porta il suo nome.

Nella cappella del Tesoro di san Gennaro vi è, insieme a quello di Gennaro e degli altri 50 santi patroni di Napoli, il suo busto d’argento e nella cappella delle reliquie del Duomo è conservato quello che la tradizione ritiene il bastone con cui l’apostolo Pietro lo guarì dalla malattia. Nella chiesa di Sant’Aspreno al Porto a lui dedicata si trova il suo Pastorale, mentre una seconda chiesa napoletana dedicata ad Aspreno è quella di Sant’Aspreno ai Crociferi.

- Advertisement -

Ultime Notizie

Vaccino anti Covid 19, Pfizer chiede l’ok all’Ema: risposta entro fine 2020

Vaccino anti Covid 19: il 29 dicembre arriverà il parere dell'Agenzia europea del farmaco sul vaccino Pfizer/BioNTech (il 12 gennaio il verdetto sul vaccino...

Studio Fiorentini riceve il prestigioso Premio Internazionale Le Fonti Awards

Ezio Stellato e Daniele D’Ambrosio: “Per essere realmente consulenti sugli impatti sociali dell’economia bisogna imparare ad ascoltare i clienti, ognuno con le sue esigenze,...

Maradona: Moggi, ritirare il numero 10 dal calcio

Luciano Moggi, ex dirigente del Napoli: "ritirare la maglia numero 10 dall'ambiente calcistico, perché di numero 10 ne è esistito solo uno, Diego Armando...

Castellammare di Stabia, 10mila euro per evitare il sequestro di una villa abusiva: 3 arresti

C'è anche un dipendente dell'ufficio tecnico di Castellammare di Stabia tra le persone finite in manette con l'accusa di induzione indebita a dare o...

Fortnite 5: dalla data ai pass battaglia, ecco le principali novità

Fortnite: ecco le principali novità della imminente quinta stagione per gli appassionati del celebre videogioco. Gli appassionati di Fortnite, celebre battle royale della Epic Games,...