domenica, Ottobre 17, 2021

Nuovo Teatro Sanità e la sua stagione 8 ½

- Advertisement -

Notizie più lette

Giuseppe Giorgio
Caporedattore, giornalista professionista, cura la pagina degli spettacoli e di enogastronomia

Il Nuovo Teatro Sanità riparte l’8 ottobre con “Archipelagos” di Nicolás Lange, diretto da Camilla Brison, e si continuerà con  “Real Heroes” di Mauro Lamanna e Juan Pablo Aguillera Justiniano.

Il Nuovo Teatro Sanità riparte e lo fa con quella che è stata definita la stagione “8 ½”. “Una stagione che non c’è” – come ha precisato il direttore artistico Mario Gelardi- e che con i 45 posti a disposizione sarebbe decisamente da non fare. Tutti ci volevano aiutare ma tutti, hanno detto e non fatto.

A eccezione del Campania Festival e del Teatro Pubblico Campano con Alfredo Balsamo. Ecco perchè dallo stesso momento che abbiamo deciso di aprire con quella che avrebbe dovuto essere la nona stagione, rischiamo anche di chiudere”.

Ed è stato con queste premesse che, il paladino del Nts, Gelardi, ha parlato di un cartellone popolato da giovani diviso in una prima parte chiamata “R-Evolution Festival (paesaggi pubblici, paesaggi interiori) e in una seconda parte intitolata “Le Residenze”. Si partirà l’8 ottobre con “Archipelagos” di Nicolás Lange, diretto da Camilla Brison, e si continuerà con  “Real Heroes” di Mauro Lamanna e Juan Pablo Aguillera Justiniano.

Nuovo Teatro Sanità e la sua stagione 8 ½
Giorni infelici per Re Lear

A seguire, “La vacca” di Elvira Buonocore, diretto da Gennaro Maresca; “La rosa del mio giardino” di Claudio Finelli, diretto da Mario Gelardi; “Le regole del giuoco del tennis” di Mario Gelardi, diretto da Michele Brasilio;  “Every brilliant thing” di Duncan Macmillan per la regia di Michele Panella; “Allegro, non troppo”, di Riccardo Pechini e Mariano Lamberti, con Lorenzo Balducci; “The walk” uno spettacolo di Cuocolo-Bosetti; “Carmine Verricello”, scritto e diretto da Alberto Mele e Marco Montecatino; “La grande tribù” di Claudio Finelli, diretto da Gennaro Maresca; “Lampedusa beach” di Lina Prosa, per la regia di Marcello Manzella; “Sound sbagliato” di Alessandro Palladino; “Codice rosso”, scritto e diretto da  Nicola Le Donne e Franco Nappi, con Rosaria De Cicco e Ciro Esposito; “Giorni infelici per Re Lear”, con Lello Giulivo e Maurizio Murano con la regia e le musiche di Mariano Bauduin;  “Disintegrazione”  tra teatro, musica e visual art, con Ilaria Delli Paoli,  Paky Di Maio e Francesco Zentwo Palladino; “Il vino e suo figlio”, tratto da  Il Navigatore del Diluvio di Mario Brelich di e con Enrico Bonavera e “Dedalo”, di Chiarastella Sorrentino  con la regia di Mario Gelardi.

Nuovo Teatro Sanità e la sua stagione 8 ½
Archipelagos

Pensando al concetto di residenza e alla primaria vocazione della sala della Sanità, la seconda parte della stagione continuerà con “Seasons” di Orlando Napolitano, diretto da Marcello Manzella e andrà avanti con “Settantuno” con Nello Provenzano per la regia di Riccardo Pisani; “Megastark”, di Luigi Leone, con la regia di Andrea Cioffi fino a giungere a “Meridiani”  di Carlo Galiero, diretto da Chiarastella Sorrentino.

Un festival il R-Evolution, all’interno del quale si svolgerà pure lo stage di perfezionamento drammaturgico, condotto da Francesco Niccolini, realizzato dal Nuovo Teatro Sanità con Scena Nuda, Centro Mobilità delle Arti, Le Scimmie e con il sostegno di Scena Unita-per i lavoratori della Musica e dello Spettacolo.

“Ringraziando sempre per la sua disponibilità padre Antonio Loffredo – ha concluso Gelardi- segnalo che a riprendere sarà pure l’attività di formazione gratuita nel quartiere”. I biglietti costeranno 12 euro con la possibilità di acquistare una card di 20 euro per assistere a tutti gli spettacoli con solo 10 euro.

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -spot_imgspot_imgspot_img

Ultime Notizie