Benevento: dopo il cromo adesso scatta l’allarme nichel nei pozzi

447
Benevento: dopo il cromo adesso scatta l’allarme nichel nei pozzi

Comune di Benevento: allarmanti dati dell’Arpac sull’inquinamento del pozzo dell’Imeva. Sforati i limiti per cromo, manganese e nichel (tutte sostanze contaminanti).

Allarme nichel al Comune di Benevento dopo che l’Arpac ha fornito i valori sull’inquinamento dell’acqua del pozzo dell’Imeva, sito all’interno dell’agglomerato industriale di Ponte Valentino (in cui si lavora l’acciaio).

Dopo il cromo, ora è la volta di manganese e nichel: tutte queste sostanze contaminanti sono presenti nei pozzi della zona Asi con valori ben oltre il limite di concentrazione.

Come riportato da “Il Mattino”, riguardo il nichel si parla di 650 microgrammi a fronte di un limite fissato a 20 microgrammi. Il manganese ha toccato quota 85 (mentre il massimo è 50), con il cromo attestatosi a 75 rispetto al limite di 50.