30-11-20 | 15:04

Napoli: nascerà una Casa di accoglienza per persone Lgbtqi vittime di violenza

Home Sociale Napoli: nascerà una Casa di accoglienza per persone Lgbtqi vittime di violenza
- Advertisement -

Notizie più lette

Ampio successo per il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile

Torna al successo il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile. Battuto 4-0 il Nebrodi, riparte la corsa al quarto posto. Torna al successo il Napoli Carpisa...

Torino, la moglie lo allontana: lui va in auto e si dà fuoco

Ultime notizie di cronaca italiana. Dopo aver litigato con la moglie si è rinchiuso nella sua auto e ha appiccato le fiamme alla vettura. La...

Coronavirus a Caserta, buone notizie: sono in netto aumento i guariti

Coronavirus a Caserta: in aumento il numero di guariti dal Covid 19 (una ventina negli ultimi giorni). Buone notizie sull’emergenza Coronavirus nel Casertano, dove sono...

Ultime Notizie: Bacoli, è polemica sui rifiuti trasferiti in area di sosta

Ultime Notizie Fa discutere a Bacoli la procedura di trasferimento dei rifiuti eseguita in città, in un'area di sosta pubblica. L’attivista Nestore Antonio Sabatano, presidente...
55f753ac4fd0bf9dc9150b50d12da632?s=120&d=mm&r=g
Luigi Maria Mormonehttps://www.2anews.it
Luigi Maria Mormone, cura la pagina di cronaca su Napoli e provincia, attualità e sport (pallanuoto, basket, volley, calcio femminile ecc.), laureato in Filologia Moderna, giornalista.

Comune di Napoli: sorgerà in Via Parco Carelli a Posillipo una Casa di accoglienza per persone Lgbtqi vittime di violenza o in stato di indigenza.

In riunione congiunta, le commissioni Welfare, presieduta da Maria Caniglia, e Pari Opportunità, presieduta da Francesco Vernetti, hanno discusso con l’assessora alle Pari opportunità Francesca Menna e con il dirigente del Servizio Giovani e Pari opportunità Giuseppe Imperatore delle delibere di Giunta Comunale 116 del 17 aprile e 244 dell’8 luglio, che consentiranno la creazione, in un immobile comunale sito in Via Parco Carelli a Posillipo, di una Casa di accoglienza per persone Lgbtqi vittime di violenza o in stato di indigenza.

Una decisione importante sia sul piano politico che su quello etico, quella di destinare l’immobile comunale di Via Parco Carelli alle persone Lgbtqi vittime di violenza o in stato di disagio economico, ha precisato l’assessora alle Pari opportunità Francesca Menna; una scelta che intende offrire una sistemazione di emergenza per coloro che ne avranno bisogno ma anche l’opportunità di creare per la prima volta a Napoli una Casa delle culture Lgbtqi dove poter organizzare manifestazioni ed eventi.

Nel dibattito la consigliera Marta Matano (Movimento 5 Stelle) ha chiesto diversi chiarimenti di natura tecnica. In primo luogo, come mai un vecchio progetto dell’Amministrazione, che puntava sempre alla creazione di una Casa di accoglienza per persone Lgbtqi al Parco Carelli, non sia stato ammesso a finanziamento da parte della Fondazione per il Sud. Inoltre, occorre capire quali siano i tempi stimati per la realizzazione dei lavori di manutenzione nello stabile e per l’acquisto degli arredi, e se sia stata cambiata la destinazione d’uso dell’immobile. Per un progetto così importante per la comunità Lgbtqi, ha infine chiesto come mai non si sia immaginata una sede più centrale per la creazione di un polo culturale, e ha suggerito che in ogni Municipalità dovrebbe esserci una Casa delle culture Lgbtqi.

Vincenzo Moretto (Misto – Lega Salvini Napoli) ha espresso perplessità sulla natura dell’immobile, un bene non disponibile del patrimonio comunale, e sui rischi di un danno erariale in caso di una gestione onerosa come quella che si prefigura. Un bene, peraltro, sul cui cambio di destinazione si dovrebbe pronunciare il Consiglio comunale.

A tutti questi quesiti ha dato risposta il dirigente del Servizio Giovani e Pari opportunità Giuseppe Imperatore, che ha chiarito che la delibera 244, approvata dalla Giunta l’8 luglio scorso, è un atto necessario per consentire di riqualificare la sede di Via Parco Carelli, bene indisponibile del patrimonio comunale, per l’accoglienza delle persone Lgbtqi vittime di violenza o in stato di necessità e per la creazione di un vero e proprio polo di promozione culturale. Si punta velocemente a realizzare una serie di interventi di manutenzione ordinaria che consentiranno di indire il bando per la cogestione dell’immobile; l’obiettivo è che entro settembre si possa anche procedere con l’acquisto degli arredi grazie alle risorse prelevate dal Fondo di Riserva. La Casa potrà accogliere fino a un massimo di sei persone per emergenze temporanee, ha precisato il dirigente, che ha anche chiarito che il progetto non ammesso a finanziamento, risalente al 2018, non era dell’Amministrazione ma di una rete di associazioni delle quali il Comune era solo partner. Con la delibera 244 è stata cambiata la destinazione d’uso dell’immobile, sulla quale il Servizio Urbanistica ha espresso il proprio parere favorevole; non è dunque necessario che l’atto venga sottoposto all’attenzione del Consiglio comunale.

Alla richiesta della presidente Caniglia sui tempi di pagamento, da parte del Comune, delle strutture alberghiere ed extra alberghiere che durante l’emergenza Covid-19 hanno accolto donne o persone Lgbtqi vittime di violenza, Imperatore ha chiarito che, per la parte di sua competenza, sono in via di definizione gli atti di liquidazione, ma servirebbe dare priorità ai pagamenti rispetto al cronologico ordinario, considerata anche la grande disponibilità e collaborazione manifestata dai titolari delle strutture stesse, che tra l’altro hanno offerto ospitalità a prezzi nettamente inferiori a quelli di mercato. Una proposta condivisa dal presidente Vernetti, che ha anche sottolineato l’importanza politica di questo provvedimento nei confronti di una comunità ancora troppo poco tutelata dalle norme.

All’ordine del giorno della riunione congiunta di oggi c’era anche la situazione delle spiagge pubbliche cittadine. Un tema proposto dal consigliere Moretto, il quale ha lamentato una gestione tardiva e inefficace del problema da parte dell’Amministrazione, che ha lasciato fuori moltissime categorie fragili come gli anziani e le persone indigenti, impossibilitati a fruire della balneazione in città. Il presiedente Vernetti ha ricordato il problema della gestione dei sette arenili cittadini che non rientrano nella competenza del Comune, e ha evidenziato che si erano programmate iniziative che consentissero la fruizione delle spiagge cittadine per le persone disabili e la rimozione di alcune barriere architettoniche, ma l’emergenza sanitaria ha bloccato tutto.

- Advertisement -

Ultime Notizie

Serie A2 Girone Rosso: GeVi Napoli Basket-Benacquista Latina 90-58

GeVi Napoli Basket: i partenopei battono per 90-58 la Benacquista Latina: Coach Sacripanti: “Molto contento del lavoro fatto, Proviamo a creare la "cantera" napoletana”. Seconda...

Circumvesuviana, soppresse 13 corse: la protesta dei pendolari

L'Eav ha scatenato la protesta degli utenti per la cancellazione di ben tredici corse, proprio nel giorno del ripristino integrale del servizio nella fascia...

Boscoreale, paura nella notte: 3 colpi di pistola contro un’abitazione

Sono stati trovati in totale sei bossoli in via Settetermini a Boscoreale, dove sono intervenuti i carabinieri dopo l'esplosione di alcuni colpi d'arma da...

Renato Zero: ecco l’ultimo cd della trilogia “Zerosettanta”

Renato Zero: ecco Volumeuno (l’ultimo dei tre cd che uno dei re della musica italiana ha realizzato in occasione dei suoi 70 anni). Il...

Calcio Napoli, il richiamo di Gattuso: “Serve buonsenso, troppi senza mascherina”

Il tecnico del Calcio Napoli sui tanti assembramenti in città per onorare la memoria di Maradona: "Dobbiamo fare i bravi, altrimenti ne pagheremo le...