Napoli da sogno, annichilito il Liverpool: al Maradona finisce 4 – 1

584
Rangers-Napoli, formazioni e dove vederla in streaming e tv

Napoli, al Maradona è show azzurro: 4 – 1 al Liverpool e festa alla prima di Champions. Unica nota stonata l’infortunio di Osimhen.

Esordio da sogno per il Napoli di Spalletti in questa edizione della Champions League. Al Maradona gli azzurri annichiliscono il Liverpool e il 4 – 1 finale sta stretto ai partenopei che potevano dilagare e sbagliano anche un rigore nel primo tempo (tirato da Osimhen).

Advertisement

Gli uomini di Klopp hanno forse peccato di arroganza, pensando di essere i padroni del girone ma hanno avuto una bella sveglia dagli azzurri. Cammino Champions che non poteva cominciare meglio per il Napoli.

La Partita.

Spalletti opera qualche solo due cambi rispetto alla formazione tipo: recuperato Osimhen, in dubbio fino all’ultimo, Politano ha preso il posto di Lozano e Olivera quello di Mario Rui.

Anche Klopp da spazio a qualche seconda linea, tenendo in panchina Thiago Alcantara ma soprattutto l’acquisto più costoso dello scorso mercato, Nunez. La partita si apre con un Napoli arrembante che al 4′ minuto passa in vantaggio.

Fallo di mano in area di rigore e Zielinski trasforma dal dischetto al 4′. Gli azzurri sono scatenati e pressano a tutto campo. Al 18′ Osimhen scappa a van Dijk e il difensore olandese lo ferma in maniera sospetta, con il Var che concede il secondo rigore di serata.

Questa volta lo batte Osimhen che, però, se lo fa parare da Allison. Il Liverpool prova a ripartire ma alla mezz’ora Gomez perde l’ennesimo sanguinoso pallone sul pressing di Kvaratskhelia.

Il georgiano scambia con Anguissa, uno due con Zielinski, e il centrocampista azzurro fredda nuovamente Allison. 2 -0 per il Napoli. Poco dopo prima occasione per gli inglesi con Meret reattivo sul colpo di testa di van Dijk.

Al 40′ Osimhen chiede il cambio per un problema muscolare, al suo posto c’è l’esordio per Giovanni Simeone. Esordio con gol per l’argentino con Kvara che scappa sulla fascia, mette in mezzo dal fondo e il Cholito appoggia a porta praticamente vuota.

Il secondo tempo riparte sulla falsariga del primo, con Zielinski che segna una doppietta in ripartenza ribadendo in rete la respinta corta del portiere su un suo tiro dal centro dell’area di rigore.

Due minuti più tardi, è il 49′, quando Di Lorenzo fa il suo primo errore perdendo palla al limite dell’area: Luis Diaz ne approfitta e segna il gol della bandiera per i Reds. Da qui i ritmi calano, il Liverpool ci prova ma la partita si chiude sul 4 – 1 per gli azzurri.

Rileggi le ultime anticipazioni sul Napoli.