Napoli-Arsenal, Ancelotti: “La partita è finita dopo il loro gol”

398
Napoli-Arsenal, Ancelotti:

Al termine di Napoli-Arsenal, vinta dagli inglesi con il punteggio di 0-1 grazie alla punizione di Lacazette, il tecnico dei partenopei ha rilasciato alcune dichiarazioni.

“La partita e’ durata trenta minuti, fino a quel momento la partita e’ stata difficile ma potevamo sbloccarla con Callejon e Milik. In queste partite hai bisogno che gli episodi vadano bene, poi dopo la rete subita c’e’ stato un naturale calo della squadra”. Lo ha detto il tecnico del Napoli, Carlo Ancelotti, dopo la sconfitta casalinga con l’Arsenal che e’ costata agli azzurri l’eliminazione ai quarti dell’Europa League. “Abbiamo perso lucidita’ davanti, siamo piu’ lenti e prevedibili e meno profondi nella manovra – spiega a Sky il mister dei campani – Insigne? Era dispiaciuto per la situazione, l’andamento negativo della gara. I giocatori ci credevano molto, era scontento ma non per la sostituzione. Ora pero’ c’e’ da guardare avanti, chiudere secondi in campionato e migliorare l’anno prossimo”.

Le differenze tra il calcio italiano e quello dei campionati più importanti in Europa

“Le differenze tra il calcio italiano e quello dei campionati piu’ importanti in Europa? Conta soprattutto la possibilita’ delle squadre di investire, acquistare giocatori e avere un fatturato alto – ha aggiunto l’ex mister di Milan, Real Madrid e Psg – In questo contesto, resta una sorpresa che Juventus non sia in semifinale di Champions, ma e’ un caso che non si ripetera’. Noi invece non dobbiamo fare il passo piu’ lungo della gamba, investendo sui giovani: Meret ha fatto oggi un errore di gioventu’ ma crescera’, cosi’ come Ruiz”.

Ancelotti ne approfitta per tracciare un suo primo bilancio: “E’ molto positivo, ho trovato un bel gruppo di giocatori, rispettosi, con cui abbiamo giocato un calcio di livello, con una societa’ che mi tutela. Da qui costruiremo qualcosa di ancora piu’ importante l’anno prossimo tutti insieme, le critiche ci saranno sul mio ruolo di allenatore, ma le chiacchiere le porta via il vento”.