Il muro dell’Inter blocca il Napoli. Al San Paolo 0-0

1145

“Abbiamo comandato il gioco quasi sempre, abbiamo messo sotto l’Inter però non siamo riusciti a concretizzare la supremazia in campo”. Maurizio Sarri analizza soddisfatto la sfida al San Paolo.

di Gianmarco Giugliano – La squadra di Spalletti decide di giocare una partita difensiva e sfruttare le ripartenze. In tre occasioni Handanovic si supera ed evita la sconfitta. Prima e seconda del campionato di affrontano in un San Paolo gremitissimo. Da una parte l’esplosivita’ dell’attacco partenopeo, dall’altro la freschezza della squadra di Spalletti non impegnata nelle coppe. Il muro Inter blocca il Napoli. Al San Paolo 0-0Il Napoli viene da due partite difficilissime contro Roma e Manchester: la fatica potrebbe farsi sentire e le condizioni dell’attacco azzurro non sono delle migliori. Insigne, alla fine, è in campo mentre al suo campo non vengono risparmiati Mertens e Callejon. Il trio d’attacco è chiamato agli straordinari dopo l’infortunio di Milik. Parte benissimo il Napoli soffocando l’Inter nella propria metà campo. Hamsik al 5’ tira fuori di poco dopo aver ricevuto palla di Insigne.

Il magnifico, pur non essendo al meglio, cerca di illuminare le giocate avanzate, con passaggi filtranti o cercando di superare i difensori in dribbling. In più di una occasione gente il tiro a giro, come al 15’ ma la palla esce fuori; mentre al 35’, lanciato da Hamsik, colpisce debolmente Di testa sprecando una ottima occasione. Il muro Inter blocca il Napoli. Al San Paolo 0-0Al 19’ l’azione più pericolosa del primo tempo: doppia parata di Handanovic prima di Callejon e poi su Mertens. L’Inter si vede al 39’ con Codardi che si defila ed impegna Reina in una parata in due tempi. Al 40’ è Borja Valero a tentare la conclusione ma Reina respinge in angolo. Primo tempo con netto dominio territoriale del Napoli ma i nerazzurri non si sono mai distratti. Il secondo tempo parte con un’Inter più propositiva. Al 48’ Albiol salva sulla linea un tiro di Vecino. Riprende in mano il gioco il Napoli che si rende pericoloso in molte occasioni soprattutto con Insigne che tira dal limite a giro con la palla che termina fuori di pochissimo. Al 68’ Mertens, servito da Callejon, non calcia di prima ma cerca di liberarsi dell’avversario. A quel punto il tiro viene stoppato dall’attentissimo difesa interista. Sarri cerca di dare nuova linfa al centrocampo inserendo Rog e Zielinsky. La mossa evita le ripartenze fell’Inter sulle corsie laterali. Zielinsky all’83’ va vicinissimo al gol lanciandosi su una palla sporca in area avversaria. Handanovic nega ancora una volta il gol.

La partita finisce tra gli applausi del pubblico partenopeo che, nonostante il pari, ha apprezzato l’impegno profuso dagli azzurri. Bene Hysaj e l’intero reparto difensivo: contro Inter e Roma il Napoli non solo non ha preso gol ma ha subito solo 4 tiri in porta. Stanchi gli attaccanti: Mertens e Callejon sotto tono. Il muro Inter blocca il Napoli. Al San Paolo 0-0Alla fine l’ha spuntata la tattica attendista ed all’italiana di Spalletti ma il Napoli è apparsa più squadra. “Abbiamo fatto un’ottima prestazione, sappiamo anche lottare e dobbiamo proseguire su questa strada”. Questo il commento di Raul Albiol al pareggio del Napoli contro l’Inter. “Otto vittorie ed un pari in 9 partite è un bottino di grande valore. Noi non facciamo mai conti, oggi volevamo vincere e ci abbiamo provato fino alla fine” – conclude il difensore del Napoli.

Riuscire a tenere una grande squadra quale è l’Inter quasi sempre sotto pressione è significativo rispetto alla nostra prestazione. Abbiamo trovato di fronte un avversario solido che ha in Handanovic un fuoriclasse tra i portieri di caratura mondiale. Oggi le ha prese tutte e questo la dice lunga sull’andamento della gara”. – ha dichiarato Sarri – “Limitare l’Inter non è certo semplice, ritengo che abbiamo un gruppo che può lottare per lo scudetto e saranno al vertice fino alla fine. Sono soddisfatto della nostra prestazione, però nel contempo va anche detto che nel computo complessivo del match ci mancano 2 punti per ciò che abbiamo espresso…”. Restano due i punti di vantaggio del Napoli in classifica ma mercoledì si torna già in campo per affrontare il Genoa a Marassi. Non c’è possibilità di recuperare.