Juventus-Napoli, Ancelotti: “Prestazione negativa anche se fosse finita 3-3”

300
Calcio Napoli, Ancelotti:

Carlo Ancelotti ha parlato al termine della sfida Juventus-Napoli, conclusasi sul 4-3 per i bianconeri allo scadere, dimostrando tutta la sua amarezza per la prova dei suoi.

Juventus-Napoli | “Non e’ stato un test positivo. La prima ora non l’abbiamo fatta bene. Ma nonostante il 3-0 siamo rimasti in partita, l’abbiamo raddrizzata. La gara poteva finire anche 3-3, non sarebbe cambiato il giudizio sulla prestazione del Napoli, che e’ negativa”. Lo ha dichiarato Carlo Ancelotti ai microfoni di Sky Sport dopo la sconfitta del Napoli a Torino contro la Juventus per 4-3. “Sul 2-0 la Juve ha agito in contropiede e noi abbiamo avuto il controllo. Poi l’abbiamo raddrizzata sulle palle inattive”.

Parlando di Mario Rui e Lozano inseriti all’intervallo, Ancelotti ha spiegato: “Ho messo due giocatori freschi, un po’ per le ammonizioni, un po’ per dare piu’ peso in avanti” mentre sulla chiave tattica ha aggiunto: “Abbiamo dato la possibilita’ alla Juve di pressare e prendere coraggio. Matuidi ha fatto un lavoro straordinario, ma lasciava spazio dal lato di Fabian. Pero’ noi non siamo mai riusciti ad arrivare li’ con un passaggio pulito. Credo sia questa la chiave, perche’ poi gli spazi c’erano. Abbiamo tentato di pressare in avanti, a volte ci siamo riusciti. Nei gol loro la difesa era piazzata. Il problema e’ che quando ci sono 8 giocatori in area la marcatura deve essere stretta”.

La fase difensiva

Il Napoli ha subito 6 gol in due partite e Ancelotti ha risposto che “La fase difensiva e’ un problema collettivo e di sacrifici. In questo momento bisogna sacrificarsi e lo stiamo facendo poco”. Nessuna sorpresa, invece, sulla prestazione della Juventus che “ha qualita’ e carattere. Riesce a dare sempre il 100% nelle grandi sfide. Noi possiamo competere, ma abbiamo perso un’occasione cominciando a giocare quando la partita era gia’ persa. La prima ora di gioco ci lascia l’amaro in bocca”. Visibilmente deluso, Ancelotti ha concluso: “E’ normale quando non si vince. Sarei stato deluso anche se avessimo pareggiato. Per noi non cambia molto un punto in meno o in piu’. Certo, la Juve ha due punti in piu’. Ma avrei fatto le stesse considerazioni. Ora dobbiamo lavorare e ritrovare la forma migliore”.