Calcio Napoli: Ospina in visita a Castelvolturno, Fabian Ruiz resta in ospedale

324
Calcio Napoli: Ospina in visita a Castelvolturno, Fabian Ruiz in ospedale

Il portiere del Calcio Napoli è in ripresa dopo l’infortunio subito contro l’Udinese, mentre non arrivano buone notizie dal centrocampista spagnolo.

Seduta mattutina per il Calcio Napoli al Centro Tecnico. Gli azzurri lavorano nella settimana della sosta per le Nazionali. Il campionato riprenderà domenica 31 marzo con Roma-Napoli, 29esima giornata di Serie A (ore 15). I calciatori a disposizione di Ancelotti hanno svolto una prima fase di esercizi di prevenzione in palestra. Successivamente lavoro tecnico con sfide a pressione 1 contro 1. Terapie per Insigne, Chiriches e Diawara. A far visita ai compagni, il portiere colombiano David Ospina, che ha lasciato la clinica dopo il ricovero in seguito all’infortunio subito domenica nel match contro l’Udinese.

Il caso Ospina

“Il caso Ospina non e’ l’unico. Ci vuole una formazione medica per tutti gli operatori sul campo”. Proprio dell’estremo difensore azzurro, ha parlato a Radio Crc il presidente della Federazione medico sportiva italiana Maurizio Casasco. “La legge di stato da’ al medico sociale tutta la responsabilita’. Il caso Ospina e’ importante perche’ puo’ dare una maggiore rilevanza e valorizzazione dei medici che devono continuare ad aggiornarsi tant’e’ che all’estero si ottiene una sorta di patentino. La Federazione ha emanato delle linee guida da seguire, riconosciute anche dallo Stato. Non abbiamo solo rischi cardiologici ma anche concussioni cerebrali e in altri sport ci sono altri infortuni per cui bisogna essere preparati. De Nicola avra’ sicuramente valutato se ci fosse stato un trauma cranico. Il caso di Ospina non e’ l’unico perche’ sui campi di gara ce ne sono molti e differenti. Ci vuole una maggiore formazione nella parte medica, non solo nel personale medico ma per tutti gli operatori”.

Resta, invece, in ospedale, a Madrid, il centrocampista spagnolo Fabian Ruiz, dopo il ricovero in seguito alla forte febbre dei giorni scorsi.