Calcio Napoli, De Laurentiis propone un taglio del 30% degli stipendi per l’emergenza Coronavirus

270
Calcio Napoli, De Laurentiis propone un taglio del 30% degli stipendi

Il presidente del Calcio Napoli potrebbe risparmiare 28 milioni di euro dal taglio degli stipendi dei calciatori proposto come soluzione per contrastare l’emergenza Coronavirus.

Calcio Napoli | Tra i temi più caldi nel mondo del pallone, c’è quello del taglio degli stipendi dei calciatori. Per molti l’unica soluzione per evitare il collasso del calcio italiano, fermo da tempo (e chissà per quanto ancora) a causa dell’emergenza Coronavirus.

In Europa c’è già chi ha messo in atto questa iniziativa, ma il presidente del Calcio Napoli, Aurelio De Laurentiis propone un taglio ancora più netto. La richiesta del patron azzurro, come riferito da “Il Mattino”, sarebbe di una riduzione fino al 30% degli ingaggi dei giocatori, consapevole dell’incidenza del 67% su questi ultimi sul fatturato delle società.

E proprio il club azzurro, più nel dettaglio, andrebbe a risparmiare circa 28 milioni di euro. Con tutta la Serie A, che lascerebbe nelle proprie casse intorno ai 465. Il taglio non sarebbe, a quanto si apprende, comunque uguale per tutti. Andando da un minimo del 15% per chi guadagna 300mila euro a un massimo del 30%, appunto, per gli ingaggi superiori a 1,5 milioni di euro.