Calcio Napoli, cuore carattere e Ruiz: gli azzurri vincono in rimonta a Marassi

282
Calcio Napoli, cuore carattere e Ruiz: gli azzurri vincono in rimonta a Marassi

Calcio Napoli. Partita non adatta ai deboli di coronarie: vantaggio del Genoa nel primo tempo; rimonta azzurra con Ruiz ed un autogol di Biraschi.

Partita difficilissima non tanto per gli avversari che sulla carta erano e sono inferiori al Calcio Napoli ma per le situazioni che si sono presentate durante i 90 minuti.

Prima difficoltà: dimenticare la partita di Champions e ributtarsi nel campionato alla ricerca di tre punti che, in una giornata che prevede Milan juventus, può portare a prendere punti di vantaggio sulla quinta in classifica o riportare gli azzurri più vicini alla capolista.

Seconda difficoltà: un primo tempo giocato abbastanza male dal Calcio Napoli nonostante Insigne e Milik che sono andati vicinissimi al vantaggio e successivamente al gol genoano, al pareggio. I primi 45’ terminano sull’1-0 per il Genoa.

Terza difficoltà: la pioggia. Campo impraticabile proprio nella ripresa quando il Calcio Napoli era costretto ad attaccare per recuperare lo svantaggio.

Con questi dati, l’impresa degli azzurri diventa ancora più grande e da ricordare.

Ma partiamo dall’inizio: Ancelotti cambia, ovviamenti, alcuni uomini e ripresenta Hysaj sulla destra difensiva; Zielinsky vicino ad Allan ed Hamsik; Milik al posto di Mertens.

Sono proprio i tre giocatori che dovevano fare la differenza dal punto di vista fisico e di concentrazione che peccano in campo.

Hysaj è colpevole sul gol del vantaggio al 20’ di Kouamè.

Zielinsky è praticamante assente: non contrasta, non fa la differenza che ci si aspetta da un giocatore che ha tutti i requisiti per diventare un campione; Milik si perde nelle maglie genoane e non contribuisce alla manovra azzurra. Dei tre, però, l’attacante sembra il meno colpevole.

Ancelotti capisce che non si può aspettare e nella ripresa lancia subito Mertens al posto di Milik e Fabian Ruiz per Zielinsky. Bocciature senza attenuanti per i due polacchi!

C’era bisogno di fisicità a centrocampo con Ruiz e di rapidità in attacco con Mertens: il mister non sbaglia neppure stavolta.

La partita cambia.

Il Calcio Napoli parte a spron battuto come già aveva fatto contro il PSG. Mertens va vicino al pareggio ma il protagonista in campo diventa Giove Pluvio: la pioggia incessante costringe l’arbitro Abisso a fermare tutto a mezz’ora dalla fine. Il campo diventa un pantano più adatto ad una partita di pallanuoto che ad una di calcio.

Calcio Napoli, cuore carattere e Ruiz: gli azzurri vincono in rimonta a Marassi

Dopo circa dieci minuti si torna a giocare.

Nonostante la storia insegni che sia a Napoli che in Liguria le squadre di pallanuoto siano le migliori d’Italia, il giocatore decisivo diventa Fabian Ruiz… uno spagnolo.

Un ragazzo di 21 anni, mandato in campo per recuperare una partita messa malissimo; un ragazzo che nel pantano non ha perso un contrastro e che ha lottato come un leone inferocito; un ragazzo che ha tecnica, volontà ed intelligenza.

Siamo al 62’: Grande intuizione di Mertens che di tacco serve lo spagnolo. Ruiz senza pensarci due volte, fa esplodere il sinistro superando l’estreo difensore genoano.

1-2 e rimonta completata!

La tattica, la tecnica, ora non contano più: in campo potrà vincere solo chi avrà cuore, carattere e voglia di vincere. Con un campo del genere dovrebbe essere la fisicità a fare la differenza ma nel Calcio Napoli, tranne Ruiz, Koulibaly e Allan, c’è poca fisicità. Ed allora il gol, anzi l’autogol di Biraschi al 86’ non è stato frutto di tecnica o fisicità ma è stato figlio di una squadra caratterialmente fortissima che non si è fermata neppure davanti ad una partita di… pallanuoto.

Come si fa a non applaudire questi ragazzi; come si fa a non sposare le parole di Ancelotti a fine partita: “orgoglioso di questi ragazzi!”. Questi ragazzi hanno vinto una partita epica e la hanno vinta prima di tutto nei nostri cuori perchè chi lotta con questa grinta e volontà può soltanto meritare una standing ovation.

Domani c’è Milan Juventus: o si guadagneranno punti per le posizioni Champions oppure si recupereranno punti sulla Juventus. Sul divano, a ventiquattro ore di distanza, godremo ancora di più di questa impresa.

foto sscnapoli