Calcio Napoli, 2-1 alla Lazio: vittoria del gruppo senza quattro pilastri

851
Calcio Napoli, 2-1 alla Lazio: vittoria del gruppo senza quattro pilastri

Calcio Napoli: Importante vittoria degli azzurri senza Insigne, Koulibaly, Allan ed Hamsik. Vantaggio di Callejon, raddoppio di Milik. Fabian Ruiz imperioso.

Il Calcio Napoli era chiamato ad una impresa importante: dimostrare che il gruppo è diventato più forte degli schemi, che i giocatori, se sfruttati a dovere, possono tutti dare il loro contributo e che Carlo Ancelotti, il primo a credere in questa filosofia, aveva definitivamente ragione.

Si può storcere il naso di fronte a certe precedenti vittorie arrivate senza un gran gioco ma con una diversa solidità; si può essere meno belli ma allo stesso modo concreti; si può giocare in undici ma cambiando l’ordine dei giocatori, il risultato non cambia.

Ed è proprio quest’ultimo teorema che il Calcio Napoli doveva imparare da Carlo Ancelotti: chi poteva immaginare che una squadra, cambiata di 7 elementi rispetto agli undici di Sarri e senza Insigne, Allan, Koulibaly ed Hamsik, poteva vincere e convincere? Alzi la mano chi ci credeva davvero.

Si pensava ad un anno di transizione ma questo Napoli è già una grnade squadra con idee chiare ed una solidità di gruppo che impressione soprattutto per le prospettive.

Alzi la mano anche chi si è accorto della mancanza dei quattro pocanzi citati…

Ancelotti schiera: Meret (grande prestazione del ventunenne portiere); Albiol e Maksimovic centrali, Malcuit e Mario Rui sulle fasce; Diawara e Fabian ruiz centrali con Callejon e Zielinsky sulle fasce. Milik e Mertens in attacco.

Bella partita: la Lazio non punta a difendersi e lascia che lo spettacolo si esplichi in tutta la sua bellezza.

Nel primo quarto d’ora è un susseguirsi di occasioni da una parte e dall’altra: Meret e StraKosha non si fanno superare. AL 10’ fantastica azione del Calcio Napoli con una conclusione al volo di Milik che si stampa sul palo.

Ancora il palo ferma il polacco al 20’ dopo una torsione fantastica. Strakosha si supera.

Calcio Napoli, 2-1 alla Lazio: vittoria del gruppo senza quattro pilastri

Al 34’ il vantaggio del Napoli con Callejon.

Si sblocca finalmente lo spagnolo che, servito da Mertens, calcia deciso sul primo palo. 1-0!

Ora c’è solo il Napoli in campo: gli azzurri accelerano e mettono alle corde la Lazio.

Passano tre minuti e Milik su punizione realizza il 2-0!

Fantastica la conclusione del polacco che dimostra di essere un vero cecchino.

Calcio Napoli, 2-1 alla Lazio: vittoria del gruppo senza quattro pilastri

Si chiude il primo tempo con il Napoli meritatamente in vantaggio.

La ripresa vede una Lazio più offensiva con Correa che crea problemi con la sua tecnica ma gli azzurri si affidano anche all’ottima prestazione di Meret che si fa trovare prontissimo in ogni occasione. Dall’altra parte Strakosha non è da meno.

La partita si riapre al 65 con Immobile che piazza un tiro che passa sotto le gambe di Albiol e supera Meret.

In precedenza clamoroso palo di Fabian Ruiz che dopo una progressione calcia con potenza ma colpisce l’incrocio dei pali.

Lo spagnolo, oggi, è stato impressionante: recupera, corre, lotta, imposta: ma davvero questo ragazzo ha 21 anni? E cosa sarà tra qualche anno? Giocatore moderno che può giocare in molte posizioni e sempre con impegno, determinazione e ottima tecnica.

Vicino a lui un Diawara in ripresa che fa bene il suo compito e non eccede in giocate inutili.

Bene anche Zielinsky soprattutto nel primo tempo.

La partita non vive di altre emozioni dopo l’espulsione di Acerbi.

Ancelotti mette in campo Verdi, Ounas e Hysaj per dare freschezza ad una squadra che non è apparsa mai distratta. Intelligente anche il cambio di Callejon con Hysaj dato che Correa stava creando problemi su quella fascia.

Milik davvero immenso: due pali, un gol su punizione, propositivo in attacco e sempre pronto alla sponda con i compagni.

Senza quattro giocatori così importanti, il Calcio Napoli ha dato dimostrazione di grande solidità e di forza di gruppo: una vittoria che vale molto di più in quanto arrivata con la forza dell’intero organico.

La vittoria è quindi soprattutto di Ancelotti che ha avuto il merito di capire che la “rosa” è competitiva e non solo undici giocatori. Maksimovic ritrovato, Fabian Ruiz giocatore incredibile; Ounas, Diawara, Verdi, Zielinsky tutti impegnati e tutti oltre la sufficienza.

Ah, se non ci fosse il potere della Juventus…

In classifica il Calcio Napoli ha aumentato a sette i punti di vantaggio sull’Inter ed ha un vantaggio immenso sulla quinta in classifica.