Avellino Calcio, respinto il ricorso al Coni: “Lupi” esclusi dalla B

452
Avellino Calcio, respinto il ricorso al Coni: “Lupi” esclusi dalla B

Avellino Calcio: l’ultima carta del presidente Walter Taccone per restare tra i professionisti è quella del ricorso al Tar.

Avellino Calcio ad un passo dalla sparizione dai professionisti. Il collegio di garanzia del Coni, presieduto dall’ex ministro degli Esteri Franco Frattini, ha infatti respinto il ricorso del club, confermando la precedente decisione che esclude la squadra irpina dal campionato di serie B per irregolarità nelle fideiussioni d’iscrizione. Ora si passa al livello amministrativo e la società ricorrerà al Tar del Lazio.

Avellino calcio, il presidente Taccone: “Trattati in modo infame”

Avellino Calcio, Serie B a rischio: venerdì l’atteso responso

Grande Amarezza da parte del presidente Walter Taccone, che già in mattinata aveva attaccato ai microfoni di “Tuttomercatoweb”, avendo forse sensazioni non positive per il verdetto: “L’Avellino rischia di restare fuori dal campionato di Serie B per un cavillo. Siamo stati trattati in modo infame. Io faccio un altro mestiere, sono un medico e ho messo tanti soldi nell’Avellino -ha detto il numero uno della società biancoverde dopo l’udienza al Coni- Poche settimane fa ho fatto un aumento di capitale da 3,7 milioni di euro, abbiamo tre fideiussioni in mano ma ora corriamo il rischio di essere eliminati dal calcio per un cavillo, per poche migliaia di euro”.

Avellino Calcio, i tifosi rivedono i fantasmi del fallimento del 2009

L’affetto dei tifosi non è mancato nemmeno oggi, visto che un centinaio di supporters dei “Lupi” si sono riuniti in un sit-in davanti al Coni. I tifosi, che hanno intonato cori con fumogeni e tamburi, oltre a contestare il presidente Taccone, sono stati raggruppati dalle forze dell’ordine dietro uno striscione con la scritta Salviamo l’Avellino.Avellino Calcio, Serie B a rischio: venerdì l’atteso responso Per loro sembra dunque concreto lo spettro di quanto già avvenuto nel 2009, quando i biancoverdi furono costretti a ripartire dai dilettanti in seguito al fallimento della società. Il Tar del Lazio sarà l’ultima chance per salvare il più blasonato club calcistico campano dopo il Calcio Napoli, con i suoi dieci campionati di serie A consecutivi, disputati dal 1978 al 1988. Quando lo stadio Partenio era una splendida roccaforte, difficile da espugnare anche per le grandi squadre. E che ora più che mai sembra aggrappato a quei ricordi.