Con Mangiamed, semplici gesti di solidarietà per cambiare il mondo

0
1205

L’universo composto dalle persone disabili non è piccolo come si pensa. Nel mondo, il 10% della popolazione ha almeno una disabilità, lieve o grave. I diversamente abili sono persone felici quando sono circondati dall’amicizia, dalla stima, dalla solidarietà e a dare felicità agli altri.

La loro infelicità dipende spesso dall’essere esclusi ed isolati, dall’essere rifiutati dalla società. Vivere accanto a loro è un arricchimento della nostra anima e della umanità che potrebbe far maturare una comprensione della vita unopiù larga e profonda ed essere artefici di un cambiamento di mentalità e di cultura assai importante. Mangiamed creato da Patrizia Zinno e Patrizia Nicolais anche quest’anno ha organizzato un momento di interazione e di opportunità di festeggiare e condividere tutti insieme, l’arrivo del Natale. Una Festa di accoglienza per due Associazioni: Emotivamente Associazione Autismo di Napoli e Caserta e La Bottega dei semplici Pensieri di Napoli, Associazione di volontariato che nasce nel 2012 ad opera di alcuni genitori di ragazzi con Sindrome di down. Festa realizzata grazie all’ospitalità di una fantastica ed accogliente location di Monte di Procida, “ Al Chiar di Luna” che ha messo a disposizione la sua struttura, i suoi locali e tutto lo staff operativo, per regalare ai ragazzi ed alle loro famiglie una serata Natalizia. Ascoltare della musica, ballare, giocare a tombola e aprire tantissimi regali infiocchettati nascosti sotto all’albero. Grandi amici della solidarietà del mondo dueenogastronomico hanno partecipato alla serata con grande Solidarietà, preparando delle stuzzicherie che hanno arricchito il Buffet natalizio. Il Maestro della Pizza Salvatore Staiano della Pizzeria “ 110 e Lode “ ha preparato arancini, crocchè e frittatine di pasta; Stefano Pagliuca dell’ Enopanetteria “ I Sapori della Tradizione “ di Melito, ha portato diverse Super pizze giganti a vari gusti partenopei. Il Panificatore Pagliuca lavora il pane come si faceva una volta con lievito naturale, farine di prima qualità e farciture con i prodotti genuini del nostro Territorio. Ha partecipato anche Il Maestro della Pizza Antonio Della Volpe della Pizzeria “ La Vita è Bella” di Trentola Ducenta che insieme alla sua compagna Nunzia, hanno portato dei calzoncini fritti imbottiti ricotta e prosciutto cotto. Dulcis in fundo, dopo il salato anche il dolce. Le Eccellenze dello Chef Pasticciere Tobia Scamardella di Sciardac di Bacoli. Per l’occasione ha creato diversi panettoni artigianali profumati di vaniglia e cannella. Classico cioccolato gianduia, pistacchio e cioccolato bianco e amarena, mandorla e albicocca,fichi, marroni e noci, limone e limoncello e frutti rossi. Una delizia da Leccarsi i baffi. Il Ristorante Al Chiar di Luna invece ha servito dei deliziosi finger pasticcini alla crema colorata, bevande e tanto spumante. La Tombolata è stata accompagnata dalla voce di Melania che insieme a Gennaro D’Aria O’ Mast’ ra’ Pizz, ha giocato ed interagito con le famiglie presenti in sala. Un’occasione per ridere e divertirsi a non finire con le chiamate a raffica dei numeri, che ci hanno regalato attimi di grande napoletanità e spettacolo. E’ stata organizzata questa Tombolata del Sorriso per donare emozioni e divertimento ai ragazzi diversamente abili e regalare anche un nuovo modello comportamentale di Inclusione e coesione dando loro occasione di rilassarsi. Presenti il Presidente di Emotivamente Caserta Carmine Russo, Il Presidente Mariolina Trapanese della Bottega dei Semplici Pensieri con Paola Bellocchio e Sandra Errico. I regali sotto l’albero sono stati gentilmente offerti da un generoso Babbo Natale in carne ed ossa, Gaetano Torrente insieme a tanti cappellini colorati. Eventi di Solidarietà sono esperienze di insegnamento. “Ho imparato che le persone possono dimenticare ciò che hai detto, le persone possono dimenticare ciò che hai fatto, ma le persone non dimenticheranno mai come le hai fatte sentire”. (Maya Angelou) Ci vediamo l’anno prossimo …  hanno detto i ragazzi dopo aver felicemente salutato gli organizzatori.

dott.ssa Patrizia Zinno