Lo Schiaccianoci di Cajkovskij ritorna al Teatro San Carlo

1160

Ritorna al San Carlo il celebre balletto del compositore russo, nella versione coreografica di Charles Jude, con 6 recite in programma dal 29 dicembre al 4 gennaio.

di Carlo Farina – Uno dei balletti più noti di Cajkovskij e, sicuramente uno dei più classici per il Natale, è in questi giorni presente al teatro San Carlo, che in occasione delle festività natalizie, ha deciso di proporre questo spettacolo con un allestimento completamente nuovo, le cui scene e i costumi sono stati curati rispettivamente da Nicola Rubertelli e Giusi Giustino. Questi ultimi si sono avvalsi di una versione coreografica che non è mai andata in scena nel nostro teatro, e mi riferisco a quella del 1997, di Charles Jude, direttore del Ballet de l’Opéra de Bordeaux del 1996 ed ex étoile dell’Opéra di Parigi. Questa la testimonianza del celebre coreografo Charles Jude: Quando ho avuto l’opportunità di creare questa messa in scena dello Schiaccianoci di Cajkovskij, ho voluto allontanarmi dal libretto di Alexandre Dumas, seguito fedelmente dalle versioni tradizionali come quella di Marius Petipa, a beneficio dell’universo più fantastico e psicologico di Hoffman. La posta in gioco era sicuramente quella di mantenere l’universo fiabesco proprio del racconto, servito in modo magnifico dalla musica di Cajlkovskij, ma anche di utilizzare le facilità narrative autorizzate dal racconto per tracciare il percorso iniziatico di una fanciulla che, partendo da un regalo ricevuto a Natale, lo “Schiaccianoci”, muta ed entra nel mondo del sogno, che le viene offerto per svegliarsi alla vita e scoprire la sua sessualità. Quindi, nella versione coreografica di Jude il racconto viene suddiviso in 14 piccoli capitoli tratto dallo Schiaccianoci e il re dei topi, di Ernst Theodor Amadeus Hoffman, che fu pubblicato nel 1816. Tra il 1891 e il 1892, Cajkovskij compose le musiche per questo balletto, seguendo attentamente le indicazioni del coreografo Marius Petipa, e l’opera fu successivamente commissionata dai Teatri Imperiali Russi, la cui prima rappresentazione avvenne il 18 dicembre 1982 al teatro Mariinskij di San Pietroburgo.  Nel ruolo di Marie ci sarà Ekaterina Oleynik, al suo debutto al San Carlo, che si alternerà con Anna Chiara Amirante e Claudia D’Antonio. Il principe “Schiaccianoci” sarà invece interpretato dal ballerino Alessandro Macario che si alternerà con Alessandro Staiano e Salvatore Manzo. Sul podio il direttore David Coleman, che dirigerà l’Orchestra del Teatro San Carlo, mentre il Coso di Voci Bianche sarà diretto e preparato sempre dalla brava Stefania Rinaldi.