mercoledì, Dicembre 7, 2022

La Rivoluzione napoletana del 1799 debutta alla Reggia di Portici

- Advertisement -

Notizie più lette

Susanna Romano
Susanna Romanohttps://www.2anews.it/
Susanna Romano, laureata in antropologia culturale, si occupa di comunicazione digitale dei beni culturali

Sabato 18 e domenica 19 giugno si ritorna con uno spettacolo itinerante nei meravigliosi spazi della Reggia borbonica tra le settecentesche sale e tra i viali dell’Orto Botanico.

“Gli Ignoti” in LLi Giacubbini: una rievocazione storica per narrare le peripezie della rivoluzione che segnò in modo indelebile il popolo napoletano.

Nel weekend di sabato 18 e domenica 19 alla Reggia di Portici ritorna lo spettacolo itinerante tra le settecentesche sale e tra i viali dell’Orto Botanico.

Siamo nei primi mesi del 1799, Ferdinando IV è appena fuggito da Napoli a bordo di una nave inglese. In città sono rimasti un esercito sconfitto e un vicario del re di scarse capacità. I giacobini insieme al generale francese Championnet preparano il colpo di mano per facilitare l’ingresso delle sue truppe francesi. Le bande di popolani, che dopo la fuga del re controllavano di fatto la città, insorsero inneggiando alla santa fede e a San Gennaro, giurando morte ai giacobini.

Il cardinale Ruffo con l’assenso riesce nel frattempo a costituire un’armata popolare, l’Esercito della Santa Fede, dove militarono anche diversi briganti come Michele O’ Pazzo, Gaetano Mammone, famosi per la loro ferocia.

La Repubblica napoletana ebbe vita breve e si dibatté tra difficoltà finanziarie e focolai insurrezionali.

I patrioti napoletani rimasero soli a fronteggiare le forze nemiche, fin quando l’armata sanfedista si impossessò nuovamente della città, mettendo fine al governo repubblicano. La repressione fu durissima: tra le vittime Eleonora Pimentel Fonseca che si presenterà a noi con un monologo appassionato e struggente.

Il lavoro “LLi Giacubbini” è uno spettacolo che coinvolge emotivamente lo spettatore: i grandi ideali e le ingiustizie sociali convivono costantemente, la voce del popolo riecheggia nell’aria durante tutta la performance.

Uno spettacolo che conquisterà il pubblico per la capacità di raccontare e far rivivere attivamente le vicende storiche in maniera brillante, divertente e coinvolgente.

Due serate imperdibili all’insegna dell’arte, della storia e della commedia.

Lo spettacolo è ideato, scritto e diretto da Marino Gennarelli

QUANDO: Sabato 18 e domenica 19 giugno alle ore 19:00 – Accesso in biglietteria ore 18:30

DOVE: Biglietteria del Musa- Musei della Reggia di Portici in via Università 100

INFO e prenotazioni: 3462882612

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Ultime Notizie