lunedì, Dicembre 6, 2021

K2, un “senegalese napoletano”: Koulibaly sarà cittadino onorario di Napoli

- Advertisement -

Notizie più lette

Luigi Maria Mormonehttps://www.2anews.it
Luigi Maria Mormone, cura la pagina di cronaca su Napoli e provincia, attualità e sport (pallanuoto, basket, volley, calcio femminile ecc.), laureato in Filologia Moderna, giornalista.

Kalidou Koulibaly: arrivato l’ok del Consiglio comunale per conferire al difensore senegalese del Calcio Napoli la cittadinanza onoraria.

Approvato ieri in Consiglio comunale l’ordine del giorno per la cittadinanza onoraria a Kalidou Koulibaly, difensore del Calcio Napoli. Ora starà al sindaco Luigi de Magistris formalizzare tale scelta, che premia l’attaccamento alla città di K2, vera e propria colonna degli azzurri da 5 anni e, soprattutto, capace di radicarsi alla perfezione con un ambiente che lo ama alla follia.

Un ordine del giorno, quello proposto dai consiglieri Laura Bismuto (Dema) e Nino Simeone (Agorà), che era in calendario già da gennaio, dopo la vicenda dei cori razzisti contro il calciatore senegalese a San Siro contro l’Inter, gara nella quale fu anche espulso a dieci minuti dal termine per un applauso irriverente all’arbitro Mazzoleni (ma rivolto soprattutto agli artefici dell’ennesima vergogna sentita alla “Scala del calcio”). In quell’occasione, infatti, Koulibaly rivendicò fiero di sentirsi, tra l’altro, anche napoletano:K2, un “senegalese napoletano”: Koulibaly sarà cittadino onorario di NapoliUna scelta fortemente voluta – spiegano a “Tuttonapoli” Simeone e Bismuto – a seguito delle offese e dei cori rivolti al giocatore durante la partita Napoli-inter nello scorso dicembre. Offese a cui Koulibaly rispose con dichiarazioni che hanno dimostrato che, oltre ad essere un fuoriclasse, è un esemplare cittadino del mondo. Un’iniziativa dalla grande valenza simbolica, che va a ricordare e sottolineare la natura antirazzista, multiculturale e multietnica della nostra città, di cui Kalidou Koulibaly è e può essere degno rappresentante”.

Dunque, quella sera del 26 dicembre 2018 l’amore di Napoli per Koulibaly toccò le vette più alte, anche perché, oltre ai “buu” razzisti” per il senegalese, non mancò neanche il becero coro “Vesuvio lavali col fuoco”: come a dire, uniti anche nel ricevere i peggiori insulti.

La cittadinanza onoraria rappresenta a questo punto per K2 (recentemente premiato come miglior difensore del campionato 2018-19) un ulteriore motivo per restare al Calcio Napoli nella prossima stagione, anche perché Carlo Ancelotti, qualche tempo fa, dichiarò che si incatenerebbe” a Castel Volturno in caso di sua partenza (come per quella di Allan, forse più difficile da trattenere all’ombra del Vesuvio).

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -spot_imgspot_imgspot_img

Ultime Notizie