mercoledì, Marzo 22, 2023

Inaugurata allo Stadio Menti di Vicenza la scultura di Paolo Rossi dell’artista Domenico Sepe

- Advertisement -

Notizie più lette

Redazione
Redazionehttp://www.2anews.it
2Anews è un magazine online di informazione Alternativa e Autonoma, di promozione sociale attivo sull’intero territorio campano e nazionale. Ideato e curato da Antonella Amato, giornalista professionista. Il magazine è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli n.67 del 20/12/2016.

Inaugurata questa mattina allo Stadio Menti di Vicenza la scultura dedicata a Paolo Rossi firmata dall’artista napoletano Domenico Sepe.

Nuova consacrazione per lo scultore Domenico Sepe che questa mattina, insieme al sindaco di Vicenza, Francesco Rucco, ha inaugurato la sua opera dedicata all’indimenticabile campione del calcio, Paolo Rossi.
Ricordando la gloria del famoso Mundial di Spagna 1982, la statua del mitico calciatore  è stata installata nell’area antistante l’accesso principale dello stadio Romeo Menti di Vicenza. Grazie al lavoro e all’estro passionale di Domenico Sepe, avvezzo con le sue sculture ai campioni del Calcio, l’opera  da oggi impreziosirà il largo dedicato al campione biancorosso e della nazionale, Pallone d’oro 1982.
Inaugurata allo Stadio Menti di Vicenza la scultura di Paolo Rossi dell'artista Domenico Sepe
Ed è proprio nel nuovo Largo Paolo Rossi, 9 creato davanti al Menti, su disegno dell’architetto vicentino Riccardo Cestari, che la scultura in bronzo a grandezza naturale di Pablito con la maglia del L.R. Vicenza,  si tramuta in un grande e doveroso omaggio al memorabile bomber.
«La scultura di Paolo Rossi – come ha dichiarato il maestro Domenico Sepe- deve diventare un punto di riferimento per tutti. Un simbolo dell’Italia che ci ha portato sul tetto del mondo. Donare la mia opera per me è un motivo di grande orgoglio».
Un’affermazione sincera e decisa che evidenzia la volontà dell’artista pronto a mettersi a disposizione della città di Vicenza e della famiglia Rossi senza chiedere alcun contributo per la sua creazione. «Il tutto è nato in modo quasi istintivo -ha spiegato Sepe – con il coinvolgimento della moglie di Paolo Rossi.
Da lì è venuta l’idea e l’esigenza di omaggiare con un’opera la figura dello straordinario sportivo ma soprattutto dell’uomo che è stato Pablito. Il campione Rossi ha lasciato un segno nell’immaginario di tutti. Era doveroso per me donare la mia professionalità e il mio “modellato” che trasformato in bronzo grazie al lavoro della fonderia di Gambellara, da oggi e nel tempo darà la garanzia di un materiale eterno».
Definito “il poeta della materia” lo scultore, pittore e scenografo, Domenico Sepe, classe 1977, si è diplomato al liceo artistico nel 1995 e all’Accademia di Belle Arti di Napoli nel 2001. Attualmente, mentre continua a raccogliere successi tra importanti mostre e opere di grande rilievo artistico e storico-culturale, svolge anche l’attività di docente di ruolo abilitato di storia dell’arte, disegno ed educazione artistica.
- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Ultime Notizie