domenica, Gennaio 29, 2023

Il sovrappeso alleato del cancro al colonretto: la risposta nella proteina p53

- Advertisement -

Notizie più lette

Redazione
Redazionehttp://www.2anews.it
2Anews è un magazine online di informazione Alternativa e Autonoma, di promozione sociale attivo sull’intero territorio campano e nazionale. Ideato e curato da Antonella Amato, giornalista professionista. Il magazine è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli n.67 del 20/12/2016.

L’alterazione della proteina p53 aumenta notevolmente la tendenza delle cellule ad accumulare mutazioni predisponendole alla trasformazione neoplastica e a una maggiore capacità di evadere i trattamenti anti-tumorali.

I pazienti in sovrappeso o francamenti obesi hanno un rischio maggiore di ammalarsi di cancro del colonretto ma anche una prognosi peggiore quando la malattia diventa metastatica.
Dalla collaborazione dei dottori Guglielmo Nasti, Mariachiara Santorsola e Alessandro Ottaiano dell’Istituto Nazionale Tumori di Napoli, IRCCS “G. Pascale”, del professore Michele Caraglia dell’Università degli Studi della Campania “L. Vanvitelli”, e dei dottori Giovanni Savarese e Antonio Fico del centro AMES, emergono dati estremamente interessanti in questa direzione.
La ragione di questo comportamento della neoplasia in questa tipologia di pazienti è complessa e molteplice ma potrebbe consistere anche nella maggior frequenza di mutazioni del gene p53. Si tratta di una proteina cruciale nel controllare molteplici fenomeni biologici quali la proliferazione cellulare a la riparazione del DNA in seguito ai più svariati insulti.
L’alterazione di questa proteina aumenta notevolmente la tendenza delle cellule ad accumulare mutazioni predisponendole alla trasformazione neoplastica e a una maggiore capacità di evadere i trattamenti anti-tumorali. I risultati dello studio sono in pubblicazione sulla rivista scientifica internazionale “Frontiers in Medicine”.
Secondo i dati dell’Istituto Superiore di Sanità, la regione Campania, purtroppo, ha la più alta percentuale di adulti in sovrappeso in Italia, ed è seconda dopo la Calabria per quanto riguarda la prevalenza di obesità.
Il dottore Alessandro Ottaiano oncologo dell’Istituto Pascale di Napoli afferma: “La lotta contro il sovrappeso e l’obesità è una forma di prevenzione primaria in molti tipi di tumore. Quasi la metà dei tumori del colonretto potrebbero essere evitati con un corretto stile di vita intendendo con questo due elementi fondamentali: un’alimentazione sana e l’esercizio fisico. Entrambi impattano positivamente sul peso corporeo determinando cambiamenti biochimici, immunologici e ormonali, nonché psicologici, estremamente positivi per il nostro corpo”.
Il professore Massimo Di Maio del Dipartimento di Oncologia dell’Università degli Studi di Torino: “Ho letto con piacere i risultati di questo studio e mi complimento con il dottore Ottaiano e con gli altri autori. La prevenzione è fondamentale in oncologia, e i risultati dei colleghi di Napoli rappresentano un’ulteriore dimostrazione che sono necessarie politiche di educazione sanitaria intensive ma anche innovative e incentivanti, come è stato fatto in altri paesi Europei, soprattutto tra i giovani, per aumentare la consapevolezza dell’importanza di un’alimentazione sana e stimolare l’accesso e la fruizione di sport e altre attività fisiche. Tutto questo può avere ripercussioni molto positive non solo sulla salute delle persone, ma anche economiche, per il potenziale risparmio delle risorse utilizzate per curare i danni cardio-vascolari e oncologici del sovrappeso e dell’obesità.
- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Ultime Notizie