25-10-20 | 03:44

Il Sele d’Oro premia la ricerca: riconoscimenti per Antonio Giordano e Caterina Meglio

Home Attualità Il Sele d'Oro premia la ricerca: riconoscimenti per Antonio Giordano e Caterina...
- Advertisement -

Notizie più lette

Ampio successo per il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile

Torna al successo il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile. Battuto 4-0 il Nebrodi, riparte la corsa al quarto posto. Torna al successo il Napoli Carpisa...

Torino, la moglie lo allontana: lui va in auto e si dà fuoco

Ultime notizie di cronaca italiana. Dopo aver litigato con la moglie si è rinchiuso nella sua auto e ha appiccato le fiamme alla vettura. La...

Caivano, 17enne muore in piscina mentre si allena

Il mondo del nuoto è sotto choc. Mario Riccio era tesserato con la società Acquachiara di Pomigliano D'Arco. Franco Porzio: "Una tragedia immane". Mario Riccio,...

Ultime notizie Benevento: 14enne si spara con pistola del padre

Benevento news:  14enne si spara con la pistola del padre, è grave Si esclude il gesto volontario, sarebbe stato un incidente. Un quattordicenne di Vallata,...
2cb17c4330abac714ec1fbaca6ea4c04?s=120&d=mm&r=g
Raffaele Francesco D'Antoniohttps://www.2anews.it
Laureato in Culture Digitali e della Comunicazione alla Federico II nel 2017. Nel 2018 si iscrive alla Magistrale di Comunicazione Pubblica, Sociale e Politica.

Il Sele d’Oro premia la ricerca dell’eccellenza: riconoscimenti per l’oncologo Antonio Giordano e Caterina Meglio.

Il Sele d'Oro: riconoscimenti per Antonio Giordano e Caterina Meglio

Il Sele d’Oro Mezzogiorno accende i riflettori sulla ricerca d’eccellenza e premia, tra gli altri, Antonio Giordano, oncologo di fama internazionale, e Caterina Meglio, CEO della startup innovativa Materias.

A Giordano, Professore di Anatomia e istologia patologica all’Università di Siena e direttore dello Sbarro Institute for Cancer Research and Molecular Medicine della Temple University di Philadelphia, figlio del Sud che si è affermato nel mondo, va il Premio Bona Praxis “per la sua iniziativa in campo medico e l’essenziale contributo scientifico che – con impegno, dedizione e sacrificio – apporta alla scienza, anche con riferimento agli ultimi lavori dedicati alla scoperta delle ragioni di diffusione e contenimento del Covid-19”.

All’imprenditrice Caterina Meglio, invece, il riconoscimento degli Enti locali “per l’impegno volto a sostenere e accompagnare nuove idee imprenditoriali di start-up del Mezzogiorno e il loro sviluppo in una dimensione stabile e duratura”.

I premi sono stati assegnati a Oliveto Citra nel corso dell’evento conclusivo del programma.

I Premi sono stati assegnati a Oliveto Citra nel corso dell’evento conclusivo del Sele d’Oro moderato dal giornalista Emanuele Imperiali e condotto dal presidente della Giuria Amedeo Lepore, al quale sono intervenuti con contributi video anche il Presidente del Parlamento Europeo, David Sassoli, e la ministra delle Politiche agricole alimentari e forestali, Teresa Bellanova.

Nel corso del suo intervento Antonio Giordano ha anticipato alcuni temi del programma “Salute e Ambiente” del Recovery Fund. L’oncologo napoletano è stato chiamato dal ministro dell’Ambiente Sergio Costa, dal ministro della Salute Roberto Speranza e dal viceministro Pierpaolo Sileri a coordinare un pool di esperti che dovrà scrivere il programma del Recovery Fund relativo alle tematiche ambientali e al nesso di causalità con le patologie più diffuse. Con lui l’epidemiologo Giovanni Baglio del Ministero della Salute ed Iris Maria Forte, PhD in Genetica Oncologica presso l’INT Fondazione “Pascale” di Napoli.

“Mi sto occupando personalmente del programma su Salute ed Ambiente del Recovery Fund, quello che ha ottenuto il più alto finanziamento, per intervenire sull’insulto ambientale, che nel nostro Paese ha ripercussioni peggiori del Covid”, ha spiegato Giordano.

Caterina Meglio, amministratore delegato di Materias, ha acceso i riflettori sul ruolo fondamentale che rivestono innovazione e ricerca per un’area periferica del Mezzogiorno quale è Napoli Est.

“Il fatto di aver scelto San Giovanni a Teduccio come sede della nostra startup innovativa testimonia chiaramente l’ambizione di ripartire dal Sud, dalla parte del Paese che si crede svantaggiata ma che tale non è, per rilanciare la sfida dell’innovazione. In quattro anni di vita abbiamo depositato decine di brevetti e assunto a tempo indeterminato dottori di ricerca del territorio. Da qui intendiamo ripartire per creare un link sempre più solido tra ricerca ed impresa”.

- Advertisement -

Ultime Notizie

De Luca: “No lockdown. Per scuole didattica a distanza al 100%”

De Luca: "Approvazione di una misura immediata che consenta la stipula di contratti con le strutture private accreditate per l'incremento di posti letto". "Il 60...

Federica Pellegrini smentisce la notizia di un suo ritiro

Federica Pellegrini, positiva al Covid, nelle sue dichiarazioni aveva espresso tutta la sua amarezza in vista delle prossime Olimpiadi di Tokio. “Se non ci sono...

Gevi Napoli Basket, positivi al Covid tre giocatori della prima squadra

La GeVi Napoli Basket ha informato della situazione la Lega Pallacanestro in vista dei prossimi e ravvicinati impegni ufficiali della squadra nella Supercoppa Centenario...

Coronavirus in Campania, i dati del 23 ottobre: 1.718 nuovi positivi

Coronavirus in Campania: il bollettino di ieri 23 ottobre dell'unità di Crisi regionale riporta 1.718 nuovi positivi su 12.530 tamponi effettuati. L'unita' di crisi della...

Calcio Napoli, Elmas e Zielinski negativi al Covid-19

I due giocatori del Calcio Napoli erano risultati positivi tra il 2 e il 3 ottobre, prima della gara contro la Juventus poi non...