venerdì, Luglio 30, 2021

Grave lutto per il cinema, morto a 44 anni Libero De Rienzo: fu Giancarlo Siani in “Fortapasc”

- Advertisement -

Notizie più lette

Grave lutto per il cinema, morto a 44 anni Libero De Rienzo: fu Giancarlo Siani in “Fortapasc”
Luigi Maria Mormonehttps://www.2anews.it
Luigi Maria Mormone, cura la pagina di cronaca su Napoli e provincia, attualità e sport (pallanuoto, basket, volley, calcio femminile ecc.), laureato in Filologia Moderna, giornalista.

Addio a Libero De Rienzo: uno degli attori più bravi del cinema italiano è stato stroncato da un infarto. Celebri anche le sue interpretazioni in “Santa Maradona” (per cui vinse il David di Donatello) e nella trilogia “Smetto quando voglio”.

Gravissimo lutto per il cinema italiano. È morto a 44 anni l’attore napoletano Libero De Rienzo, stroncato da un infarto in casa a Roma.

De Rienzo (nato a Forcella) è stato ritrovato morto in casa, dopo l’intervento di un amico preoccupato per le mancate risposte al telefono. Era figlio di Fiore De Rienzo, inviato speciale della trasmissione “Chi l’ha visto?”. Sposato con la costumista Marcella Mosca, lascia due figli di 6 e 2 anni.Grave lutto per il cinema, morto a 44 anni Libero De Rienzo: fu Giancarlo Siani in “Fortapasc” L’attore era conosciutissimo al grande pubblico soprattutto per la sua splendida interpretazione di Giancarlo Siani, il giornalista del Mattino ucciso dalla camorra nel 1985, nel film Fortapasc di Marco Risi (per cui ebbe una nomination ai David di Donatello 2010).

Libero vanta numerose esperienze teatrali, ma è stato il cinema la sua vetrina più bella. Si mise in evidenza anche con il ruolo di Bartolomeo “Burt” Vanzetti in “Santa Maradona”, che gli valse il David di Donatello come miglior attore non protagonista nel 2002.Grave lutto per il cinema, morto a 44 anni Libero De Rienzo: fu Giancarlo Siani in “Fortapasc” Bravissimo nei ruoli più impegnati, Libero De Rienzo è stato però davvero a suo agio anche in film più “leggeri” ma di grande impatto sociale, come la fortunata trilogia corale Smetto quando voglio (2014 e 2017). Il ruolo di Bartolomeo Bonelli (scapestrato genio della matematica col vizio del gioco d’azzardo) gli valse un’altra nomination ai David.

Tra i tanti messaggio di cordoglio per la sua morte, c’è una sola certezza: se ne è andato troppo presto uno dei migliori attori italiani della sua generazione.

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Ultime Notizie