Il Teatro Sannazaro presenta gli spettacoli della prossima stagione

1521
teatro sannazaro di napoli

Il Teatro Sannazaro in una conferenza stampa ha presentato i temi della prossima stagione. Ad affiancare il percorso tradizionale napoletano un itinerario alternativo fatto di prosa, musica classica, incontri culturali e gastronomia.

Strizzando l’occhio ad una tradizione al passo con i tempi capace anche di fare da trampolino di lancio per le moderne tendenze, il teatro Sannazaro, ha anticipato i temi della prossima stagione. “Un’annata- come ha detto la direttrice artistica Lara Sansone- in grado di affiancare al percorso tradizionale napoletano un itinerario alternativo fatto di prosa, musica classica, incontri culturali e gastronomia”.

Con queste premesse e con la ferma intenzione di continuare quell’antico dialogo con il pubblico iniziato dalla “bomboniera” di via Chiaia con la sua eroina Luisa Conte, il Sannazaro, per il nuovo cartellone, ha deciso di puntare oltre che sulla qualità delle proposte e sui grandi autori del passato, su di una forma di spettacolo moderna ed al tempo stesso attenta ai nuovi talenti ed alla contemporaneità.  “Immaginando una mappa simile a quella della metropolitana- ha spiegato l’attrice e regista Lara Sansone- per quest’anno abbiamo ipotizzato tante linee che corrispondono ad altrettanti percorsi artistici con lo scopo comune di amare e celebrare la nostra città”. Per la “Linea Uno”, ad esempio, è prevista una trilogia del grande Viviani.

In scena, in casa Sannazaro, infatti, arriveranno le collaudate “Festa di Montevergine” e “Festa di Piedigrotta”, con la regia di Lara Sansone,  capace di trasformare la storica sala nelle grandi sagre popolari legate alle celebri feste e, stavolta con la regia e l’interpretazione di Nello Mascia, l’emblematica “La Figliata”. “Un lavoro – come ha ribadito lo stesso Mascia – che in un’epoca dove chi ci governa non considera la cultura come un elemento di ricchezza, porta in scena un Viviani straordinariamente completo.

Ciò, grazie ad un gruppo di ‘attori indipendenti’ che da tanti anni, ormai, resistono e lottano insieme”.  E sempre parlando de “La Figliata”, l’interprete Rosaria De Cicco si è detta “emozionata ed onorata di dovere ricoprire, proprio sulle tavole del Sannazaro, lo stesso ruolo che fu di Luisa Conte”.

Passando alla “Linea Due”, la stessa proporrà due artisti come Giancarlo Giannini  alle prese con “Un racconto particolare” e Giuliana De Sio. Ancora, con la “Linea Tre”, al Sannazaro, si potranno raggiungere Lara Sansone con il suo nuovo Cafè Chantant “Crazy Edition”, Eduardo Tartaglia e Veronica Mazza, con “Tutto il mare o Due Bicchieri”, Gigi Savoia in “I casi sono due” di Armando Curcio,  Benedetto Casillo con “Le pillole d’Ercole” ed Antonella Morea alle prese con “ Mamma” di Annibale Ruccello”.

E così, mentre, sempre a proposito della “Linea Tre” , Tartaglia ha parlato della tradizione insita nei suoi lavori, Savoia dei suoi anni al Sannazaro e Casillo dei 26 anni della sua Stabile e dei 50 di carriera, saltando al volo sulla “Linea Quattro” si potranno anche raggiungere con il progetto “A volte ritornano” diretto da Giulio Baffi,  le moderne stazioni dei  registi ed autori Sergio Pierattini,  Peppino Mazzotta e Luciano Melchionna.

Infine, con la “Linea Cinque”  la possibilità di spingersi fino ad “Art And The City”  ed i suoi eventi spettacolo ed ai concerti di Peppe Servillo, Pietra Montecorvino, Maldestro, Ciccio Merolla, James Senese ed altri. Infine, a completare le proposte che, come ha spiegato il direttore organizzativo Sasà Vanorio, “potranno essere condivise dal pubblico oltre che in abbonamento anche in abbinamento scegliendo tra le varie linee a prezzi vantaggiosi”,  il nuovo format di Gianni Simioli, le serate racconto a tema gastronomico con alcuni popolari artisti, il master class con Giancarlo Giannini , Pupi Avati e Laura Morante, la Scuola “Pro- Am” e la Napoli Dance Academy.