Giorgio Ascarelli, fondò nel 1926 la Società Sportiva Calcio Napoli. La sua tomba dimenticata e abbandonata

0
1778

di Antonella Amato – La memoria non fa parte del patrimonio del Calcio Napoli e, inutile aggiungerlo, nemmeno del presidente del club azzurro, Aurelio de Laurentiis. Per rendersene conto basta recarsi nel cimitero israelitico di Napoli, dove tra le tante tombe che scandiscono 150 anni e più di presenza ebraica in città vi è anche quella di Giorgio Ascarelli, il mecenate che nell’estate del 1926 fondò quella che oggi si chiama Società Sportiva Calcio Napoli e, qualche anno dopo, regalò ai tanti tifosi anche uno stadio che poteva contenere fino a ventimila spettatori. 

Tomba di Giorgio Ascarelli
Tomba di Giorgio Ascarelli

Storia passata e anche dimenticata. Come dimenticata e vandalizzata è la tomba (dalla lapide in marmo sono stati rubati gli ornamenti in ottone) che sorge in quello che fino a qualche decennio era il luogo di sepoltura degli ebrei napoletani. Beffardo destino, quello di Giorgio Ascarelli, il cui nome fu cancellato dal restaurato stadio che, nell’estate del 1934, ospitò alcune partite dei mondiali di calcio, tra cui la finale per il terzo posto tra l’Austria e la Germania di Hitler. Se Mussotomba-3lini rimosse il nome dell’ebreo Ascarelli per non far torto all’alleato tedesco, non da meno fecero i notabili monarchici e democristiani che, un quarto di secolo dopo, preferirono il nome di San Paolo al suo, nel titolare lo stadio di Fuorigrotta. Il nome del fondatore del Calcio Napoli resta oggi confinato (non senza difficoltà per coloro che, cinque anni fa, si fecero promotori dell’iniziativa) ad un impianto sportivo di periferia. Ma assai peggio è il destino riservato alla sua tomba, dimenticata non solo dalle migliaia di tifosi azzurri (che proprio quest’anno hanno festeggiato i novant’anni della loro squadra), ma anche da chi, con la creatura partorita da Ascarelli, ha fatto affari a otto e nove zeri.

“E’ semplicemente vergognoso che una società che ogni anno spende centinaia di milioni di euro nell’acquisto di calciatori, non trovi pochi centinaia di euro per restaurare la tomba di colui che, a buon diritto, può ritenersi il padre dell’odierno Calcio Napoli”. – commenta Nico Pirozzi, giornalista storico della Shoah e coordinatore del progetto Memoriæ. – “Mi rivolgo al presidente De Laurentiis affinchè ponga rimedio ad una vergogna che non è solo dei napoletani, ma di quanti credono che la memoria sia un valore da custodire e salvaguardare, non solo nell’interesse nostro ma anche di chi verrà dopo di noi”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here