martedì, Ottobre 19, 2021

GdF, blitz contro il lavoro in nero: identificati 31 dipendenti sconosciuti al fisco

- Advertisement -

Notizie più lette

Luigi Maria Mormonehttps://www.2anews.it
Luigi Maria Mormone, cura la pagina di cronaca su Napoli e provincia, attualità e sport (pallanuoto, basket, volley, calcio femminile ecc.), laureato in Filologia Moderna, giornalista.

Cronaca di Napoli: blitz della Finanza contro il lavoro in nero, che ha portato all’identificazione di 31 dipendenti sconosciuti al fisco tra Napoli, Portici, Ischia e Capri.

Il comando provinciale di Napoli, nell’ambito dell’intensificazione dell’azione di contrasto all’economia illegale e sommersa, ha sottoposto a controllo numerosi esercizi commerciali, tra cui ristoranti, paninoteche e lidi balneari. I militari del I gruppo Napoli e dei dipendenti reparti di Portici, Ischia e Capri, hanno condotto mirati accertamenti, finalizzati a constatare il corretto assolvimento degli obblighi in materia di lavoro.

Nel corso dei controlli le fiamme gialle partenopee hanno constatato un diffuso utilizzo di mano d’opera “in nero”, da parte di operatori commerciali del settore turistico, identificando 31 lavoratori totalmente ignoti agli enti previdenziali ed assistenziali, la cui prestazione di lavoro non sarebbe stata riconosciuta ai fini assicurativi e pensionistici.

Particolarmente rilevante è il dato acquisito sull’isola di Ischia, dove sono stati sottoposti a controllo un ristorante ed uno stabilimento balneare, che impiegavano addirittura 16 lavoratori non regolarmente assunti.

Cinque esercizi commerciali saranno segnalati all’ispettorato territoriale del lavoro per l’adozione del provvedimento di sospensione, in quanto la manodopera irregolare è risultata superiore al 20% del totale dei dipendenti. Inoltre, per ciascun dipendente non regolarmente assunto, sarà irrogata la c.d. “maxisanzione” prevista dall’art. 22 del d.lgs. 151/2015.

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -spot_imgspot_imgspot_img

Ultime Notizie