lunedì, Febbraio 26, 2024

Fuorigrotta, “pizzo” su gadget del Napoli: arrestati boss Troncone e figlio

- Advertisement -

Notizie più lette

Redazione
Redazionehttp://www.2anews.it
2Anews è un magazine online di informazione Alternativa e Autonoma, di promozione sociale attivo sull’intero territorio campano e nazionale. Ideato e curato da Antonella Amato, giornalista professionista. Il magazine è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli n.67 del 20/12/2016.

Il ras, suo figlio e altre due persone sono finite in manette in quanto avrebbero messo in atto una serie di estorsioni ai danni di alcuni commercianti di Fuorigrotta, costretti a versare il “pizzo” anche durante la festa scudetto.

Quattro persone, tra cui Vitale Troncone, 56 anni, il figlio Giuseppe, 27, e il cognato Luigi Troncone, ritenute legate all’omonimo gruppo criminale del quartiere Fuorigrotta di Napoli, sono state arrestate dai carabinieri in quanto ritenute gli autori di una serie di estorsioni – continuate e aggravate dal metodo mafioso – ai danni di alcuni commercianti della zona costretti a versare il “pizzo” anche durante la festa scudetto.

L’attività investigativa, svolta dal Nucleo Investigativo del Comando Provinciale dei Carabinieri di Napoli su coordinamento della Dda di Napoli, ha permesso di acquisire elementi indiziari a carico degli indagati per delle estorsioni pluriaggravate perpetrate a carico di commercianti del quartiere di Napoli-Fuorigrotta.

L’indagine, nel suo complesso, attraverso il riscontro delle dichiarazioni rese dalle vittime agli inquirenti, ha permesso di accertare in particolare, le modalità d’imposizione del Tle di contrabbando, ad opera del gruppo criminale a cui gli indagati facevano riferimento, ai danni delle vittime, nonché le analoghe costrizioni di natura economica alle stesse imposte per la vendita della predetta merce; le modalità di violenta costrizione circa la prosecuzione dell’attività di venditore ambulante dei gadget della Ssc Napoli, ad opera sempre dei soggetti in questione, nei confronti delle persone offese; la disponibilità, da parte degli indagati, di armi da fuoco per l’esercizio della relativa attività criminale di natura estorsiva.

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Ultime Notizie