Forex, storia del più grande mercato monetario interbancario

393
Forex, storia del più grande mercato monetario interbancario

Il Foreign Exchange Market (scambio di valuta estera), detto più comunemente Forex, FX, o mercato valutario, con un volume medio giornaliero per un valore di 5.3 mila miliardi di dollari.

Il mercato fx è un mercato monetario interbancario o tra altre controparti, creato nel 1971 quando cominciarono ad apparire tassi di cambio fluttuanti. Secondo alcune stime di Bloomberg diramate nel 2016, sul mercato trading Forex avvengono ogni giorno scambi per un valore di 5.3 mila miliardi di dollari. Ammontare che sarebbe il «liquido» circolante sul mercato. E quello valutario è, per forza di cose, il più liquido esistente al mondo. Il foreign exchange market è enorme se comparato ad altri mercati. Ad esempio, il volume medio giornaliero di scambi che riguardano i buoni del Tesoro USA è di 300 miliardi di dollari e il mercato azionario USA ha un volume medio giornaliero di meno di 10 miliardi di dollari. Dieci anni fa il Wall Street Journal ha stimato che il volume giornaliero degli scambi che avvengono sul forex ecceda i 1.000 miliardi di dollari. Oggi il volume delle transazioni è stimato intorno ai 4.000 miliardi di dollari al giorno. Non è semplice operare nei cdf forex ma è necessario seguire strategie di trading forex indicate dai migliori broker italiani. Inoltre ci sono guide forex per capire le migliori strategie trading forex e indicatori di cui tenere conto per non avere brutte sorprese.

Storia – Prima del 1971 un accordo internazionale denominato Bretton Woods Agreement impediva la speculazione sui mercati valutari. Gli accordi di Bretton Woods erano stati conclusi nel 1944 con il fine di stabilizzare le valute internazionali e prevenire la fuga dei capitali tra le nazioni. Questi accordi fissarono un tasso di cambio tra tutte le valute ed il dollaro e fissarono il tasso di cambio tra il dollaro e l’oro (35 dollari per oncia). Prima di tale accordo il gold exchange standard era in uso fino dal 1876. Il gold standard prevedeva l’uso dell’oro come base di ciascuna valuta e in questo modo impediva a re e governanti di svalutare arbitrariamente il denaro e di innescare l’inflazione. Il gold exchange standard presentava, comunque, numerosi problemi. Al crescere, un’economia avrebbe importato beni dall’estero fino all’esaurimento delle riserve auree. Il risultato di ciò era una restrizione dell’offerta di moneta nel paese che causava un innalzamento dei tassi di interesse comportante un rallentamento dell’attività economica che avrebbe potuto portare anche alla recessione.

Infine la recessione avrebbe causato una caduta dei prezzi dei beni così in basso che essi sarebbero apparsi convenienti ad altri paesi. Ciò a sua volta portava ad un flusso inverso di oro in entrata nell’economia e il risultante aumento nell’offerta di moneta causava una caduta del tasso d’interesse ed un rafforzamento dell’economia. Tali pattern di boom-recessione erano frequenti nel mondo durante gli anni del gold exchange standard e fino allo scoppio della Prima guerra mondiale che interruppe il libero flusso degli scambi e di conseguenza i movimenti dell’oro.

Negli anni ottanta l’avvento dei computer accelerò i movimenti internazionali di capitali e il mercato divenne più continuo, con scambi che si svolgevano tra il continente asiatico, europeo ed americano, ed i relativi fusi orari. Le grosse istituzioni bancarie crearono sale operative in cui centinaia di milioni di dollari, sterline e yen venivano scambiati nel giro di pochi minuti. Gli odierni broker operano quotidianamente nel forex, avvalendosi di strumenti elettronici, ad esempio a Londra, dove singoli scambi per decine di milioni di dollari vengono attualmente conclusi in pochi secondi. Il mercato è cambiato significativamente essendo la maggior parte delle transazioni finanziarie finalizzate non all’acquisto o alla vendita di beni ma al fine di speculare sul mercato.

Londra si è affermata come il principale centro finanziario globale ed è il più grosso mercato forex del mondo. Tale affermazione non è dovuta solo al suo posizionamento, che le consente di operare durante l’apertura dei mercati asiatici ed americano, ma anche alla creazione del mercato dell’Eurodollaro. Al giorno d’oggi Londra continua a crescere in quanto un numero crescente di banche americane ed europee stabiliscono i loro quartieri generali regionali nella City. I volumi scambiati su questi mercati sono enormi e le banche più piccole, gli hedgers commerciali e i piccoli investitori hanno raramente accesso diretto a questo mercato liquido e competitivo, sia perché non soddisfano i requisiti di credito necessari sia perché le dimensioni delle loro transazioni sono troppo limitate. Ad ogni modo oggi i market maker possono scomporre le loro grosse unità inter-bank ed offrire ai piccoli operatori l’opportunità di comprare e vendere un numero qualsiasi di tali unità più piccole (lots).